Presto ad Atina sorgerà un'area camper, nella frazione di Ponte Melfa, tra piazza Erennio, la sede attuale della scuola elementare e il fiume Melfa. Il progetto, in avanzata fase di elaborazione e affidato a Marco Di Troia, prevede la sistemazione dell'area con sistemazione del terreno, creazione di piste e spazi carrabili così da creare un'area di stallo adatta a ospitare camper e servita da colonnina di approvvigionamento di energia e acqua potabile con sistema a tempo e a pagamento, oltre al camper service, cioè smaltimento delle acque reflue che verranno incanalate verso la condotta fognaria esistente. Inoltre, il progetto prevede la creazione di una recinzione con siepe.

Un'altra caratteristica dell'area camper in corso di progettazione è che verrà sviluppata tenendo conto di soluzioni che affidano al rispetto dell'ambiente e al verde i loro obiettivi: infatti non si prevedono opere edilizie e la zona dove sorgerà risulta ben collegata con le strutture ricettive e di svago esistenti nell'area (campi di equitazione e maneggio) e con l'adiacente parco fluviale del Melfa nonché con l'ostello della gioventù, oggi preso in prestito per ospitare la scuola elementare e che, è la speranza di molti, presto torni alla sua originaria destinazione.

Proprio il vicino ippodromo, con i suoi eventi sportivi a carattere interregionale richiama un notevole afflusso di gente, la gran parte della quale arriva a bordo di camper. Prosegue, dunque, l'ampliamento dell'offerta turistica, stavolta con la creazione di uno spazio destinato alla sosta dei camper: un obiettivo che il paese aveva in mente da tempo visto che la cittadina non riusciva a soddisfare appieno le richieste di quanti sceglievano il centro valligiano come meta delle loro escursioni in camper.