Un mucchio di calcinacci, pezzi d'intonaco staccato e parti di muro abbandonati nel verde: nei guai un aquinate beccato dai carabinieri mentre stava scaricando il materiale nella zona dell'ex campo d'aviazione. Ieri mattina i militari della locale stazione, coordinati dal maresciallo Parrillo, della compagnia di Pontecorvo, guidata dal capitano Nicolai, nel contesto delle attività finalizzate alla prevenzione e repressione dei reati ambientali, hanno segnalato al Comune un uomo del luogo di 56 anni già censito per reati contro la persona e contro la famiglia per deposito incontrollato di rifiuti.

In particolare, i carabinieri hanno sorpreso il soggetto mentre scaricava materiale di risulta su un terreno demaniale di circa 6 metri quadri in località Torre San Gregorio, ex campo d'aviazione. Al trasgressore, oltre alla multa di 600 euro, è stata intimata la bonifica del terreno e il corretto smaltimento dei materiali a norma di legge. Un altro furbetto beccato ad Aquino: nei mesi scorsi era stata la polizia municipale a individuare e multare un cittadino grazie alla corrispondenza lasciata dell'immondizia abbandonata in una zona periferica della città.

Soddisfatto il sindaco di Aquino, Libero Mazzaroppi, che assicura che l'amministrazione comunale avrà tolleranza zero. «Saremo estremamente severi -ha commentato il primo cittadino- nei confronti di chi compie atti di questo genere a discapito della comunità». L'area dell'ex campo d'aviazione è una delle più colpite dal problema dell'abbandono dei rifiuti, in più punti. Per questo sono previste delle novità, sono in arrivo le fototrappole in accordo tra Comune e polizia provinciale che saranno uno strumento utile per individuare eventuali trasgressori e furbetti.