Arrestato un cittadino romeno nella notte di venerdì durante un servizio di controllo del territorio per la repressione dei reati disposto dalla questura, unitamente alla sezione della polizia stradale. L'arresto è stato effettuato dalle pattuglie della sottosezione di Cassino. Il cittadino romeno è stato avvistato al chilometro 676 dell'A1 direzione sud, mentre era alla guida di un veicolo industriale rubato poco prima in un cantiere di Ceprano.

Il romeno, nonostante tutte le azioni messe in atto dalla pattuglia della polizia, mediante l'utilizzo dei dispositivi in dotazione, anziché fermarsi ha proseguito la marcia al fine di sottrarsi al controllo delle forze dell'ordine. Ha messo in atto, quindi, una serie di manovre che hanno messo in serio pericolo l'incolumità degli agenti che lo inseguivano nonché degli altri automobilisti che percorrevano, in quel momento, l'autostrada.

Dopo vari chilometro d'inseguimento e anche grazie all'intervento di un'altra pattuglia, il malvivente ha arrestato la corsa del mezzo pesante tentando la fuga che è stata subito interrotta dagli agenti. Oltre al mezzo erano stati sottratti alla medesima ditta pure degli attrezzi da lavoro (martelli pneumatici, gruppo elettrogeno e vari utensili).

Sempre nella notte lo stesso reparto ha denunciato un altro cittadino romeno oltre a due italiani, trovati in possesso di grimaldelli e attrezzi atti allo scasso. Inoltre, sempre nella mattinata di venerdì scorso, la pattuglia del distaccamento della Polstrada di Sora, ancara a Ceprano, ha denunciato in stato di libertà un cittadino italiano per il reato di ricettazione.