Oggi l'estremo saluto a Cataldo Fratarcangeli, il sessantaseienne scomparso giovedì scorso in un tragico incidente verificatosi all'esterno della sua abitazione dove, intorno alle 22, stava rientrando ed è stato travolto dalla sua auto. Lo sfortunato Cataldo è rimasto schiacciato contro un muro dalla sua macchina che si è sfrenata e lo ha travolto causandone il decesso sul colpo.

Il sessantaseienne giovedì scorso era rientrato nella sua abitazione di via Mandra Cacchiana, aveva aperto il cancello che chiude la recinzione che perimetra l'ampio piazzale, aveva fermato l'auto, messo il freno a mano quando, per cause al vaglio degli inquirenti, la macchina si è sfrenata travolgendolo violentemente. L'uomo pare sia rimasto schiacciato e, a causa delle gravi ferite riportate, è deceduto per cui nulla hanno potuto fare gli operatori del 118 intervenuti sul luogo per strapparlo alla morte. La salma è stata trasportata nella camera mortuaria dell'ospedale di Frosinone.

Ieri pomeriggio è stato effettuato l'esame autoptico, poi il nulla osta del magistrato, oggi i funerali, alle 15.30, nella chiesa del Santissimo Salvatore. Distrutti dal dolore la moglie, la figlia, il figlio, il genero, il nipote e i familiari improvvisamente colpiti dalla tragedia assurda e inaspettata. Il povero Cataldo prematuramente e violentemente è stato strappato alla vita. L'assurdo incidente si è verificato proprio in prossimità della sua abitazione, gettando tutti nel più profondo sconforto. Increduli i conoscenti rimasti sconcertati di fronte l'accaduto. Cataldo era un uomo tranquillo, riservato, benvoluto, dedito alla famiglia; per anni aveva collaborato con un'agenzia assicurativa, per cui conosceva tanta gente per motivi di lavoro, ma non era un uomo di piazza, viveva dei suoi affetti. Una persona sorridente e buona che sicuramente non meritava di perdere la vita prematuramente e tragicamente.
In lutto l'intera comunità di Ripi che piange lo sfortunato Cataldo Fratarcangeli che lascia un vuoto incolmabile fra i suoi familiari e nel piccolo centro dove tutti si conoscono e i rapporti di amicizia sono saldi e diffusi