Si improvvisa animalista per liberare un randagio appena catturato dall'accalappiacani. E viene denunciata. Nei guai una donna di 47 anni di Cassino, chiamata ora a rispondere di interruzione di un pubblico servizio. Secondo quanto accertato dai carabinieri di Cassino, la quarantasettenne dichiarando la sua appartenenza ad un movimento animalista era intervenuta, senza alcuna giustificazione, liberando un cane randagio catturato da accalappiacani inviati dall'Asl di Frosinone a seguito delle segnalazioni sull'aggressività dell'animale che, in un'occasione, aveva anche morso un cittadino costretto a cure mediche. La donna allontanatasi senza fornire le proprie generalità è stata identificata dai militari ascoltando alcuni testimoni.

I carabinieri della Compagnia di Cassino guidata dal capitano Mastromanno, hanno denunciato in stato di libertà anche una donna di 49 anni di Cassino per furto aggravato di acqua.
I militari, intervenuti insieme al responsabile di zona della società Acea Ato 5, hanno verificato che la stessa aveva sostituito il contatore dell'acqua della propria abitazione con due misuratori applicati in assenza di autorizzazione. I due misuratori sono stati sottoposti a sequestro. La donna, invece, è stata denunciata.