Il trasporto ferroviario pendolare ai raggi X nel rapporto di Legambiente "Pendolaria 2018". A livello generale il numero dei passeggeri aumenta, toccando quota 5,59 milioni e segnando un nuovo record rispetto al 2012 (+8% in 4 anni). Sono, infatti, 2.874.000 coloro che ogni giorno usufruiscono del servizio ferroviario regionale. Numeri in crescita, come per l'alta velocità. «Ma il paradosso c'è -sottolineano da Legambiente- diminuiscono i chilometri di linee disponibili e la crescita nasconde differenze rilevanti nell'andamento tra le diverse regioni e tra i diversi gestori. In alcune parti del Paese la situazione è migliorata, mentre in altre è peggiorata e si è ampliata la differenza nelle condizioni di servizio».

Frosinone e il Lazio
Ma qual è la situazione in provincia di Frosinone e nel Lazio? Nel rapporto emergono alcuni dati da prendere in esame. In primo luogo, il capoluogo figura nelle linee pendolari più frequentate in Italia: Roma Termini-Frosinone, infatti, ha 42.000 viaggiatori al giorno. Un dato che piazza la tratta ferroviaria al nono posto nella speciale graduatoria nazionale. Come Napoli-Torregaveta e Roma Termini-Castelli Romani.
Questa classifica è guidata da Fiumicino Aeroporto-Fara Sabina con 81.500 viaggiatori al giorno che precede Roma Nord-Viterbo (75.000) e Saronno-Milano-Lodi (65.000). La grande mole di passeggeri per la tratta Roma Termini-Frosinone certifica il fatto che sempre più persone, dal capoluogo e dalla provincia, sono costrette a raggiungere la Capitale prevalentemente per recarsi al lavoro. E questo spinge la discussione sul campo occupazionale e sulle difficoltà, per giovani e non, di trovare un'occupazione stabile in Ciociaria. E, quindi, nella migliore delle ipotesi viaggiano verso Roma.

Numeri regione per regione
Rimanendo sul punto e sul numero di passeggeri che si "muovono" nel Lazio, l'elaborazione di Legambiente certifica che il Lazio ha il secondo numero più alto di viaggiatori.
Nel 2017 (540.000 di cui 340.000 abbonati), così come nel 2011. In questa speciale graduatoria il Lazio è preceduto dalla Lombardia: 650.000 viaggiatori al giorno nel 2011, 750.000 nel 2017. Terza la Campania che ha subìto, nel confronto 2011/2017, una diminuzione del 34% circa: da 467.000 nel 2011 a 308.484 nel 2017. Il minor numero di viaggiatori nel Molise: 4.000 al giorno nel 2017.
In termini di risorse, nel periodo 2008/2017, nel Lazio sono stati investiti 67,72 milioni di euro in servizi. Meno di Campania (215), Emilia-Romagna (426), Friuli-Venezia Giulia (206), Liguria (172), Lombardia (oltre un miliardo). Per quel che concerne gli investimenti in materiale rotabile (locomotive e locomotori, automotrici, carrozze, carri merci ecc.) nel Lazio il totale ammonta a 299,8 milioni di euro. Meno di Lombardia (434) e Campania (444). Nel rapporto sugli investimenti effettuati si evidenzia che «il Lazio con 368 milioni di euro non può essere paragonata agli investimenti fatti in altre realtà regionali vista la quantità di pendolari presenti».