Amministrazione comunale, residenti e commercianti del centro storico si sono dati appuntamento la sera di mercoledì scorso per ragionare insieme sulla carenza di parcheggi e sulla zona a traffico limitato recentemente istituita a partire da via Chigi Nobile.

Nella sala "Agape" della parrocchia di San Lorenzo si è presentato anche il sindaco Vincenzo Quadrini, con il suo vice Francesco Romano, il comandante della polizia locale e il parroco don Alfredo Di Stefano. Tra i presenti anche l'imprenditore Marco Viscogliosi che spiega: «Dall'incontro è emerso che l'area pedonale nel quartiere San Lorenzo va riconvertita in una ztl che consenta agli operatori commerciali e industriali di svolgere regolarmente la loro attività nelle ore diurne, chiudendo nelle ore serali e notturne ed eventualmente nei giorni festivi e che il problema attuale è la costante mancanza di parcheggi in città per cui si rende indispensabile qualche provvedimento risolutivo urgente. Personalmente - aggiunge Viscogliosi - ho caldeggiato almeno l'esperimento del senso unico su corso Roma, che darebbe immediatamente e senza alcun costo circa sessanta posti auto disponibili».

L'idea non dispiace al sindaco, che però ci va cauto: «Il senso unico aiuterebbe questa situazione - dice Quadrini - Certo, bisognerebbe muoversi in via sperimentale. E bisogna riflettere sulle richieste emerse dai commercianti del centro storico. Ricordo che abbiamo attivato l'isola pedonale e quaranta famiglie sono contente».

Infatti, i residenti si mostrano soddisfatti: maggiore tranquillità, parcheggi disponibili, meno confusione e più decoro. Soddisfatti della ztl anche i membri del Comitato San Lorenzo che da anni si battono per la tutela e la valorizzazione del centro storico. Perplesso invece il consigliere Angelo Caringi: «Mi auguro che l'amministrazione prenda atto dei problemi e riveda, dopo le strisce blu a Borgonuovo, anche l'area pedonale in centro. Ribadisco: è un provvedimento illegittimo che, di fatto, cede la piazza pubblica Abate Pistilli a tutti i residenti per parcheggiare le loro auto».