Dai banchi della minoranza il consigliere Valter Tersigni torna ad affondare il colpo sull'amministrazione De Donatis. Una salatissima raffica di bollette piove sui sorani, denuncia Tersigni, che invita l'assessore al bilancio a prendere provvedimenti.

«Centinaia di bollettini recapitati ai sorani nell'ultimo periodo hanno gettato intere famiglie nel panico. Più di ventimila euro spesi dal Comune per inviare raccomandate contenenti "un dovuto" troppo spesso sbagliato di Tosap, Imu, Tares, Tarsu e Tari -sottolinea Tersigni- In particolare desta scalpore il "raid" Tosap, cioè la tassa sui passi carrabili messi a ruolo dall'anno 2013 a oggi, tra errori esorbitanti e approssimazione. Il caos è massimo. Importi chiesti per accessi già correttamente pagati, tassa inviata a entrambi i coniugi, quindi due raccomandate per lo stesso ingresso e bollettini riferiti ai passi in Comune pervenuti solo a coloro che hanno la sfortuna di essere frontisti delle strade interessate».

Da qui il suo affondo sul piano politico: «È chiaro che chi ha deciso a nulla ha pensato. Soltanto disagio per la gente, chiamata a dimostrare i pagamenti già effettuati o a far presente agli altri co-proprietari e aventi diritto che la tassa sugli accessi va equamente ripartita. Infiniti i litigi in un caos totale che non interessa alla maggioranza. Unico obiettivo del gruppo di governo è "fare cassa" svuotando le tasche dei cittadini. Sora così è messa in ginocchio una volta di più. Mi chiedo se è possibile amministrare in questo modo e se tale comportamento è politicamente corretto. Decidere d'incassare "a priori" per sopperire a un sistema che non funziona e restare impassibili di fronte alla difficoltà dei cittadini non è certo encomiabile. Sora è stanca dell'incompetenza e dell'incapacità -conclude Tersign-i Visti i disagi causati con tanta superficialità e noncuranza, chiedo alla Paolacci, assessore al bilancio, di adoperarsi per far pervenire bollettini corretti e ripartire a priori, tra tutti gli aventi diritto, le somme dovute al Comune per i passi carrabili».