Continuano spediti i lavori di consolidamento del costone roccioso di monte San Casto e Cassio che sovrasta il centro storico della città. Gli operai specializzati sono impegnati per mettere in sicurezza dal punto di vista idrogeologico la parte del versante che sovrasta la curia vescovile. L'amministrazione comunale, che ha ricevuto un apposito finanziamento regionale per aprire il cantiere, si è detta più volte soddisfatta per l'inizio dei lavori che hanno preso il via nelle scorse settimane.

Il sindaco Roberto De Donatis, cosciente della condizione di fragilità che caratterizza la città relativamente ai fenomeni franosi, si è detto pronto a reperire altri fondi per continuare l'opera di consolidamento anche in altre zone che presentano particolari criticità. Intanto il consigliere delegato ai lavori pubblici Massimiliano Bruni, che nelle scorse settimane hafatto un giro di ricognizione di monte San Casto e Cassio in elicottero insieme ai tecnici, spiega: «L'amministrazione De Donatis è impegnata a garantire la sicurezza ai cittadini.

I nostri passi sono silenti e portano a risultati che, come nel caso dei lavori sul tratto che sovrasta la curia vescovile, sono sotto gli occhi di tutti. Mi preme ringraziare la consigliera Maria Paola D'Orazio per l'invito che ci ha rivolto nei giorni scorsi in riferimento alla partecipazione a un bando regionale per prevenire il dissesto idrogeologico, ma già prima l'amministrazione si è mossa».