È un dipendente comunale della città di Cassino sessantenne l'uomo trovato poco fa morto in casa. L'allarme è stato dato da un parente che non aveva più sue notizie da alcuni giorni. Sul posto si sono immediatamente prortati vigili del fuoco, carabinieri e sanitari del 118. I 'caschi rossi' hanno dovuto utilizzare una scala per arrivare al terzo piano della palazzina popolare nella zona San Giovanni. Una volta sul balcone dell'abitazione, hanno sfondato una finestra e sono entrati nell'appartamento. Qui, fatti pochi metri, hanno trovato l'uomo riverso a terra nella sua camera da letto. Inutili i soccorsi e l'arrivo delle ambulanze. Per il lavoratore (pare) del settore personale del municipio cassinate non c'era più nulla da fare. Sul posto i militari della compagnia di Cassino. I questo momento è giunto anche il sindaco Carlo Maria D'Alessandro sconvolto per l'accaduto.

SEGUONO AGGIORNAMENTI

Non risponde più. Un parente da l'allarme. Arrivano vigili del fuoco, ambulanze e carabinieri e avviene la peggiore delle scoperte. Lo trovano morto, proprio in questo momento a Cassino in zona San Giovanni. Pare che fosse un dipendente comunale. Queste le poche informazioni trapelate sull'ennesimo episodio luttoso, di cronaca nera, che porta ulteriore angoscia in città. Sul posto si sta recando il sindaco D'Alessandro, cosa che rafforzerebbe proprio l'ipotesi che si tratti di un impiegato dell'ente. 

SEGUONO AGGIORNAMENTI

di: La Redazione