"Abbiamo piani ambiziosi per il futuro dell'azienda e dei nostri dipendenti": ha sottolineato Gianfranco Battisti, amministratore delegato Ferrovie dello Stato italiane durante il saluto alla "Giornata del Cantoniere" di Anas. Nell'illustrare le linee guida del piano industriale del gruppo in corso di definizione, Battisti ha evidenziato che «è già stato avviato un importante processo di ricambio generazionale che sarà consolidato nell'anno appena iniziato con oltre 4.000 assunzioni, di cui 450 per Anas, tutte da mercato.

Assunzioni che interesseranno tutti i settori operativi e strategici dell'azienda. Capistazione, macchinisti e capitreno, ma anche manutentori di treni e di infrastrutture ferroviarie e stradali, senza dimenticare le assunzioni previste per potenziare l'assistenza e la security per le persone che ogni giorno scelgono il treno per muoversi e quelle per nuovi autisti e nei settori della logistica e delle merci». I settori interessati dalle assunzioni, fanno sapere da Fs, sono quelli strettamente legati al trasporto ferroviario, il core business aziendale e il centro di tutte le attività.

In particolare, circa duemila persone saranno selezionate per ruoli quali macchinisti, capotreno, capostazione e addetti all'assistenza ai viaggiatori e alla security. Oltre mille neoassunti saranno invece occupati nella manutenzione dei treni e dell'infrastruttura, garantendo il costante miglioramento delle performance del trasporto ferroviario in termini di affidabilità, disponibilità e puntualità. Sono previsti, inoltre, nuovi ingressi in settori considerati Ex lavoratori di Vertenza Frusinate, a dicembre, in assemblea permanente in Provincia strategici nel nuovo Piano industriale quinquennale.

Nella logistica, 600 persone saranno impiegate nel Polo Mercitalia impegnato nel rilancio del trasporto merci su ferrovia; nel Tpl, 250 nuovi autisti viaggeranno sui mezzi di Busitalia per migliorare gli standard qualitativi del trasporto urbano ed extraurbano nelle regioni dove Fs italiane svolge il servizio. Accanto alle assunzioni previste nel 2019, il gruppo prosegue collaborazioni e partnership con alcune università italiane con l'obiettivo di favorire l'approccio al mondo del lavoro di migliaia di neolaureati, in larga parte in discipline ingegneristiche