Due provvedimenti che producono tre risultati: aumenta il numero dei parcheggi a pagamento in città; via Carloni diventa a senso unico; l'opposizione boccia la doppia decisione e insorge. La mini rivoluzione varata dall'amministrazione del sindaco Vincenzo Quadrini per strisce blu e viabilità scaturisce da due atti: la delibera di giunta numero 4 del 9 gennaio scorso e l'ordinanza del comandante della polizia locale numero 1 del giorno successivo.
Con la prima viene incrementato il numero degli stalli pagamento da 131 a 257, con l'inserimento di 49 nuovi stalli a pagamento in via Borgonuovo, 12 con il prolungamento dell'area a pagamento lungo via Napoli, 5 in via Pietro dell'Isola oltre ai 60 stalli a pagamento del parcheggio interrato di piazza Santissima Triade (più conosciuta come piazza Trito), che dovrebbe finalmente vedere la luce entro l'anno. Non solo. Con la stessa delibera la giunta incarica il responsabile del servizio di attivare le procedure per l'affidamento all'esterno della gestione dei parcheggi a pagamento. Dunque presto sarà una ditta privata a occuparsi delle strisce blu in città.

Con l'ordinanza del comandante della polizia locale, invece, viene istituito il senso unico di marcia in via Bruno Carloni, con accesso da viale Piscicelli in direzione di via Capitino, con divieto di sosta sul lato sinistro della stessa via Bruno Carloni e la realizzazione di stalli di sosta liberi sul lato destro della strada.

Provvedimenti che non piacciono al consigliere d'opposizione Angelo Caringi, che contesta la doppia decisione. «Altri due provvedimenti dell'amministrazione che peggiorano la vita degli isolani -sbotta Caringi- Si aumentano i parcheggi a pagamento, probabilmente per rendere più appetibile l'esternalizzazione del servizio, prevedendo anche 49 posti blu in via Borgonuovo.
Sarà un colpo mortale per il tessuto commerciale di questa strada già provata dalla mancanza di aree di sosta, da pesanti flussi di traffico e da un manto stradale pieno di buche. S'introducono inoltre posti a pagamento sul tratto di via Napoli in uscita dalla città, in un'area priva di parcheggi. Infine viene istituito il senso unico in via Bruno Carloni per rimediare all'errore che avevamo denunciato di rilasciare permessi a costruire senza prevedere la dotazione di parcheggi e riducendo quelli che c'erano in viale Piscicelli. Ora avremo tutto il quartiere Nazareth ostaggio di una unica strada di accesso e di una unica strada di uscita».