Cancelli chiusi al Parco Valente perché non c'è nessuno che li apre. Così l'unico spazio comunale attrezzato con giochi per i bambini non è fruibile perché il personale che era impiegato nel servizio di guardiania non c'è più. È infatti scaduto il progetto "Demetra" con il quale gli uffici dei servizi sociali del Comune di Sora incaricavano due figure che, a rotazione, rispettando dei turni, si adoperavano per aprire e chiudere i cancelli dell'ex campo boario.

Ricordiamo che il progetto "Demetra" è rivolto a soggetti svantaggiati come disoccupati privi di ammortizzatori sociali, inoccupati iscritti al Cpi e inseriti in percorsi di reinserimento sociale.
Il progetto ha sempre puntato a mettere in atto misure di sostegno al reddito in favore di persone e famiglie in situazione di disagio socio-economico e al contempo garantire una migliore qualità della vita della collettività con interventi di rilevanza sociale. Un progetto che funziona e che però non ripartirà prima della metà di gennaio.

E se nel frattempo nessun operaio del Comune verrà incaricato di aprire e chiudere i cancelli del Parco Valente, lo spazio non sarà fruibile per la cittadinanza. Interpellata sulla questione, l'assessore ai servizi sociali Veronica Di Ruscio ha descritto una situazione già nota che ciclicamente si ripropone in questo periodo.
«Il problema si è riproposto anche quest'anno -ha spiegato- Fino a quando, come ufficio servizio sociali, avevamo in piedi il progetto "Demetra" con due figure era possibile gestire l'apertura del cancelli di Parco Valente, ma ad oggi non è più di nostra competenza perché il progetto ripartirà solo tra due settimane». Si attendono soluzioni alternative per i prossimi giorni.