Atti vandalici e graffiti: fenomeni difficili da arginare e che si ripetono con preoccupante frequenza. Le ultime scritte sui muri e sugli arredi a Ferentino sono state realizzate in questi giorni da ignoti qua e là in giro per la città. Nei giorni scorsi abbiamo riferito dei danneggiamenti a danno della nuova stazione ferroviaria, mentre nel centro della città i vandali hanno rotto irrimediabilmente il mosaico del maestro Vincenzo Ludovici, ai piedi della fontana realizzata dallo stesso artista scomparso, lungo il corso del Vascello. Un gesto detestabile che ha lasciato sbigottiti in primis i familiari dell'artista.

La figlia di Vincenzino, Maria Chiara, ha postato la foto del danneggiamento sui social con un laconico: «Grazie a chiunque sia stato». Come è noto è stato danneggiato il mosaico di Ludovici (l'opera era stata inaugurata l'11 settembre 2017 ad un anno dalla scomparsa di Vincenzo). Ora è ancora in fase di restauro da parte di Maria Chiara, anche lei amante dell'arte.
Una volta completato il lavoro riparatorio il mosaico tornerà al suo posto, ai piedi della fontana artistica.

Anche quest'anno nel periodo natalizio è mancata la fantasia di Vincenzo Ludovici a Ferentino. Ogni anno in procinto di Natale, si metteva a disposizione del Comune per l'allestimento di opere a tema, presepi particolari e quant'altro.
Il noto artista ferentinate purtroppo se n'è andato a settembre 2016, all'età di 59 anni, a seguito di un male incurabile.
È sempre vivo in ogni caso il ricordo del maestro Ludovici negli amministratori di Ferentino e nei suoi numerosi amici e colleghi.