L'anno della rivoluzione. Il 2019 per la casa della salute di Pontecorvo si prospetta molto importante e ricco di nuovi e fondamentali servizi. Un anno che potrebbe segnare anche la riapertura delle sale operatorie. Nei giorni scorsi è stata consegnata nella casa della salute una nuova strumentazione per il servizio di radiologia. Il macchinario, di ultimissima generazione, permetterà di effettuare degli accertamenti radiologici tradizionali, ma anche di effettuare controlli sulla colonna in toto sotto carico e agli arti inferiori, anche ai bambini.

Una strumentazione che va ad aggiungersi all'ecografo arrivato qualche settimana fa. Se il 2018 ha visto un rafforzamento delle strumentazione sanitarie in dotazione alla casa della salute, il 2019 potrebbe essere l'anno della svolta con la riapertura delle sale operatorie per interventi in Apa (day surgery).

Una novità importante comunicata con entusiasmo dallo stesso sindaco Rotondo che ha affermato: «La consegna della nuova strumentazione alla casa della salute è una notizia importantissima per i servizi di nuova e ultima generazione, un punto di riferimento sulla scenario della sanità provinciale. Tanto c'è ancora da fare, sul diritto alla salute dei cittadini andiamo avanti superando barriere e ostacoli di ogni tipo.

Per le tante novità che hanno riguardato la casa della salute, ringrazio il direttore generale Macchitella e l'assessore alla sanità Gianluca Narducci, il quale solo nell'ultima settimana, a ridosso del Natale, per ben due volte si è recato a Frosinone per la casa della salute ed ha portato a casa importanti novità».

Soddisfatto anche l'assessore Narducci che ha aggiunto: «Non ci fermiamo alla nuova strumentazione, dopo i posti letto all'Udi, l'attivazione dei servizi multispecialistici, ora guardiamo alle sale operatorie. Assieme al sindaco, ormai da mesi, abbiamo intrecciato rapporti in tal senso con il direttore generale Macchitella per la riapertura delle sale operatorie chiuse nel 2010 con il decreto 80. Riapertura e utilizzo per interventi cosiddetti Ape in day surgery».