Se la piaga della droga è sempre più dilagante e preoccupante, non è da meno la prostituzione su strada. I carabinieri denunciano una quarantenne per inosservanza delle prescrizioni al foglio di via obbligatorio e ne multano altre 6 per inottemperanza delle ordinanze antiprostituzione emesse dai comuni di Ferentino e Morolo.

Il problema infinito della prostituzione su strada talvolta accomuna i territori di Ferentino, Supino e Morolo. L'ultimo intervento lo hanno eseguito ieri i carabinieri della stazione di Morolo, che hanno denunciato una donna 40enne, già censita per analoghi provvedimenti, per inosservanza delle prescrizioni al foglio di via obbligatorio e multate altre 6 per inottemperanza delle ordinanze emesse dai comuni di Ferentino e Morolo proprio per contrastare il fenomeno della prostituzione. L'importo della multa è pari a 50 euro.

Proprio per contrastare questo fenomeno i sindaci Pompeo e Girolami hanno firmato di nuovo l'ordinanza decorrente dal 1° novembre 2018 fino al 31 gennaio 2019, poi si vedrà. Le violazioni sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria che va da un minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro.

Fermo restando l'eventuale applicazione delle sanzioni penali rischiano anche gli automobilisti. Infatti, se un potenziale cliente è a bordo di un veicolo, la violazione si concretizza anche con la semplice fermata per contrattare con la donna dedita alla prostituzione. L'ordinanza proibisce anche manovre automobilistiche pericolose e di intralcio alla circolazione stradale, compresa la sosta o la fermata. La prostituzione su strada desta forti preoccupazioni e allarme nella collettività, pregiudicando le condizioni di vivibilità dei cittadini costituendo grave turbativa e insicurezza.