Giovanni Pirovano è il vice presidente Banca Mediolanum e membro del Comitato di presidenza Abi. Lo abbiamo incontrato nel giorno dell'inaugurazione della nuova filiale.

Oggi il taglio del nastro dei nuovi uffici di via Aldo Moro, qui a Frosinone. Quella di Banca Mediolanum è una presenza fisica sul territorio che ora si amplia. Cosa rappresenta per voi la nostra provincia?
«La nostra banca è da sempre presente nel Lazio, in particolare su Roma. È proprio nella capitale che abbiamo intercettato molti clienti della vostra provincia. Lavoratori, pendolari, risparmiatori che hanno scelto la nostra banca. Frosinone, per noi, rappresenta una peculiarità. Dopo Roma è la seconda provincia del Lazio nella quale siamo più presenti e ci è venuto d'obbligo scegliere la location più adeguata. Non un traguardo ma un punto di partenza per fare sempre di più».

Qual è l'impegno di Banca Mediolanum per i risparmiatori del nostro territorio?
«In primo luogo, per noi, è fondamentale la tutela dei risparmiatori. Tutelarli nei loro investimenti è il primo passo per aiutare il tessuto economico della provincia. Se i risparmi non vengono investiti in maniera adeguata, viene a mancare la capacità d'impresa e a soffrirne è l'intero territorio. La nostra banca ha i requisiti di solidità e affidabilità tra i più alti d'Italia e questa è una garanzia per coloro i quali scelgono Banca Mediolanum».

Quali secondo lei le soluzioni per aiutare le imprese e quindi l'economia del territorio?
«Tra le nostre priorità vi è ovviamente il tessuto imprenditoriale. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le piccole e medie imprese ad aprirsi al mercato. In che modo? Affiancandole affinché possano soddisfare il loro bisogno di capitale in maniera più autonoma rispetto al credito bancario. Le Pmi per crescere e contribuire a risollevare l'economia devono affacciarsi al mercato dei capitali. Il nostro impegno è quello di aiutarle a scegliere forme di finanziamento alternative al credito bancario, come per esempio la quotazione o l'emissione di prestiti obbligazionari».

Con questa nuova sede quale impegno viene messo in atto da Banca Mediolanum per migliorare la comunità?
«Gli uffici di Frosinone per noi non saranno solo un luogo di lavoro. Ma il punto di interazione e relazione quotidiana con i clienti. La più semplice operatività bancaria viene ormai effettuata direttamente online, ma per operazioni più complesse come la richiesta di un mutuo o per la scelta dei propri investimenti il cliente continua ad avere bisogno di una consulenza. Per questo motivo i nostri Family Banker diventano le figure chiave per le relazioni con la comunità. Gli spazi dei nuovi uffici ospiteranno anche momenti di educazione finanziaria e di formazione al risparmio, oltre a eventi culturali e artistici».

A proposito di comunità, ci sono già relazioni tra la vostra banca e le associazioni della provincia di Frosinone?
«Abbiamo già consolidato rapporti con Enti del terzo settore della provincia. Siamo operativi con il microcredito di soccorso. E in particolare guardiamo all'impegno sociale rivolgendoci agli enti più importanti a livello regionale». Come si articola il rapporto con il cliente? «Il ruolo del Family Banker, come dicevo, è fondamentale nel rapporto con i nostri clienti. In provincia di Frosinone abbiamo oltre 30 consulenti finanziari. Nessuno meglio di loro conosce i bisogni e le necessità dei nostri 9mila clienti e delle loro famiglie. Per questo la nostra esperienza permette al cliente di trovare sempre la soluzione più adatta alle sue esigenze».

Oggi si sta andando sempre di più verso la customer centricity. Quali le soluzioni e le strategie che banca Mediolanum adotta per essere sempre più vicina al cliente?
«"Banca Mediolanum, costruita intorno a te". Questo non è solo il nostro slogan da oltre vent'anni. Questa è la prima mission della nostra banca da sempre, concretamente nei fatti. Banca Mediolanum è percepita come la banca che pone il cliente al centro dell'attenzione e questo perché per Ennio Doris, il nostro Presidente, la soddisfazione della nostra clientela è un imperativo.
In Italia ad oggi contiamo oltre un milione e duecento mila clienti. E guai se soltanto uno di loro non fosse soddisfatto della "sua" banca».

Quanto il vostro istituto è sensibile ai cambiamenti innovativi di mercato?
«Credo che la nostra sia la banca più innovativa sul mercato italiano. Siamo stati tra i primi ad offrire ai nostri clienti la possibilità di pagare tramite Apple Pay, Samsung Pay e Google Pay.
E continuiamo ad essere sempre in prima linea sulla frontiera dell'innovazione tecnologica. Ma accanto ai servizi tecnologici, resta per noi fondamentale il valore della consulenza finanziaria e della relazione con il cliente».

Il mercato assicurativo è in crescita. Sempre più italiani si avvicinano al tema della protezione attraverso prodotti salute, coperture infortuni, abitazioni e via dicendo. Quanto Banca Mediolanum oggi è anche bancassicurazione?
«Anche il mercato assicurativo e le esigenze dei nostri clienti in questo ambito sono tra le nostre priorità. Banca Mediolanum è un gruppo assicurativo a tutti gli effetti che offre consulenza globale a 360°. Abbiamo Mediolanum Vita che opera nel settore vita e previdenza complementare offrendo piani assicurativi per ogni esigenza. E Mediolanum Assicurazioni per la copertura delle esigenze della persona fisica, della casa e della salute».

Obiettivi per il prossimo anno?
«Continuare a crescere. Acquisendo nuovi clienti per far crescere anche l'economia del nostro Paese».

L'evento

Banca Mediolanum rafforza la sua presenza in provincia di Frosinone. Ieri, alle 17, il taglio del nastro della nuovissima sede di via Aldo Moro. Centinaia le persone che hanno partecipato all'inaugurazione dei Family Banker Office aperti al pubblico con la volontà di fornire un concreto supporto ai risparmiatori locali e alle imprese del territorio. All'evento ha presenziato il Vice Presidente di Banca Mediolanum, Giovanni Pirovano, che ha sottolineato l'importanza di creare posti di lavoro per far ripartire l'economia e la necessità di sostenere le imprese ed i risparmiatori: «Frosinone è per noi una provincia di importanza fondamentale. Qui abbiamo molti dei nostri clienti e ci teniamo a rafforzare i rapporti con loro».
Gli ha fatto eco il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani: «Non possiamo far altro che sostenere le iniziative che portano avanti l'economia sana del nostro territorio» ha dichiarato il primo cittadino intervenuto insieme al sindaco di Rocca D'Arce, Rocco Pantanella. Presenti all'evento imprenditori e autorità locali.

I nuovi Family Banker Office offriranno servizi bancari a 360° ma saranno anche un luogo di aggregazione. Gli uffici di via Aldo Moro ospiteranno rappresentazioni culturali e mostre artistiche temporanee aperte alla città, oltre e momenti di formazione dedicati ai clienti. Nella sede saranno a lavoro 13 Family Banker sempre a disposizione della clientela. La filiale avrà orari molto più ampi e sarà aperta dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, dal lunedì al venerdì, mentre il sabato dalle 9 alle 13. Su richiesta dei clienti sarà, inoltre, possibile l'apertura straordinaria tramite appuntamento. Mediolanum sembra essere una banca in controtendenza con gli altri istituti di credito del Paese.
Mentre in Italia le banche chiudono gli sportelli (meno 25% negli ultimi anni), Banca Mediolanum apre nuove filiali andando, spesso, ad occupare gli spazi lasciati liberi dalle banche tradizionali.
Una banca aperta anche a chi vuole avvicinarsi alla professione bancaria, come sottolinea uno dei private banker di punta e presidente del consorzio Banca Mediolanum di Frosinone, Bernardo Pantanella: «Questa sede sarà un punto di riferimento per chi vuole avere l'opportunità di lavorare con una banca considerata tra le più solide a livello europeo, all'avanguardia nella tecnologia ed in grado di offrire tutti i servizi dei quali necessitano sia le persone fisiche che le aziende –ha dichiarato Pantanella- Il nostro obiettivo è quello di aumentare i collaboratori di questa filiale che in futuro potrebbero passare dagli attuali 13 a 20» ha concluso.

Banca Mediolanum si propone, inoltre, di continuare anche nel nostro territorio il lavoro intrapreso nel resto del Paese in ambito sociale e caritativo con la Fondazione Mediolanum che ogni anno eroga importi consistenti in favore di associazioni di volontariato. Al centro dell'attenzione della Fondazione ci sono, soprattutto, le mamme ed i bambini che più ne necessitano. In accordo con le Caritas Diocesane d'Italia è attivo un piano di erogazione di microcredito di soccorso, senza oneri e senza garanzie, che sarà presto esteso anche alle Diocesi della regione Lazio. Tante le attività future previste da Banca Mediolanum in favore del nostro territorio che, dopo il taglio del nastro di ieri pomeriggio, sono pronte a prendere il via