Una stangata sull'acquisto delle auto "tradizionali". Dal 1º gennaio 2019 arriva infatti l'ecotassa a pesare sulle tasche di quanti vorranno comprare automobili alimentate con carburante più inquinante. Incentivi, invece, per le auto più ecologiche. Ad annunciare ieri le nuove norme contenute nella manovra, una nota congiunta del sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti, Michele Dell'Orco, e il sottosegretario allo Sviluppo economico, Davide Crippa. «Con l'approvazione di un emendamento alla legge di Bilancio - si legge - è stato introdotto per la prima volta in Italia un contributo per l'acquisto di autovetture, basato sul meccanismo del bonus/malus ecologico».

Dall'inizio del prossimo anno e peri successivi tre anni, spiegano quindi Crippa e Dell'Orco, «chi acquisterà e immatricolerà in Italia un'auto vettura nuova elettrica, ibrida o alimentata a metano, si vedrà riconosciuto un contributo economico fino a 6.000 euro, calcolato sulla base della CO2 emessa per chilometro. Chi, invece ne comprerà una nuova alimentata con carburanti più inquinanti, dovrà pagare un'imposta che, anche in questo caso, sarà legata alle emissioni di CO2 del veicolo».

Netta la bocciatura della nuova misura da parte di metalmeccanici e concessionari auto, con Fim Fiom, Uilm e Federauto schierati insieme contro l'iniziativa di governo e preoccupati dall'impatto che un meccanismo di bonus-malus così architettato potrà avere sull'economia del Paese e sull'occupazione di un settore già esposto agli alti e bassi della crescita.
Anche la Cgia di Mestre esprime un secco no all'ipotesi: «Già oggi in Italia sul settore dell'auto grava un carico fiscale di oltre 70 miliardi di euro all'anno – dichiara Paolo Zabeo della Cgia un record negativo che nessun altro Paese ci invidia.

Con questa ennesima stangata, inoltre, a pagare un conto salato sarebbe anche una buona parte dei 150 mila addetti che trovano lavoro nel settore dell'autoriparazione. Incentivando l'elettrico a scapito delle auto alimentate a benzina o diesel, molti meccanici auto, ad esempio, rischierebbero di veder crollare il proprio fatturato, visto che le auto elettriche presentano pochissime parti mobili».