Il reparto di Pediatria di Cassino da ieri ha un rianimatore neonatale. Una strumentazione preziosa e indispensabile per aiutare i bambini acquistata grazie ai fondi raccolti con la prima edizione del "Music for charity" organizzata dal Cosilam e dall'Abbazia di Montecassino.

Un progetto nato la scorsa primavera dall'allora presidente Zola e dall'abate Ogliari e che ha visto la creazione di un vero e proprio network solidale con enti pubblici e aziende private che hanno deciso di sostenere il progetto. Presenti, ieri mattina, il presidente del Cosilam Abbruzzese, il padre abate di Montecassino Ogliari, il direttore generale D'Aguanno, il direttore sanitario di Cassino Fabi e il responsabile di pediatria Raponi.

«Il raggiungimento dell'obiettivo che il consorzio si era prefissato la scorsa primavera è la testimonianza di come fare squadra porta, sempre, a risultati tangibili per l'intero territorio – ha affermato il presidente Abbruzzese - Oggi l'ospedale di Cassino, su cui converge tutta l'utenza del Lazio meridionale, può contare su un rianimatore neonatale di ultima generazione pronto a essere utilizzato in caso di necessità».

«Sono lieto che il Music For Charity messo a suo tempo in campo a beneficio dei bambini malati abbia raggiunto il suo nobile scopo, e mi auguro che iniziative del genere non abbiano a mancare per l'avvenire – ha aggiunto dom Donato Ogliari - In fondo, risvegliare i cuori e aprirli alla solidarietà con i nostri simili, soprattutto se più deboli, significa contribuire a mantenere viva la speranza in un mondo più bello e fraterno