Foto osé all'ombra della Madonna delle Grazie: la città si indigna. Nei giorni scorsi sono apparsi sui social network alcuni scatti "calienti" che hanno sollevato più di qualche critica. Una giovane trans che si è fatta fotografare, in pieno giorno e con i soli capi intimi addosso, ha scelto il sagrato della chiesa, il punto più alto della città con il suo sfondo. Insomma, pur di sfruttare il panorama mozzafiato che si gode da quel punto, la modella e il suo fotografo hanno ignorato il fatto che si trattasse comunque di un luogo sacro, certamente poco adatto per scattare foto di quel tipo. In molti, una volta appresa la notizia e sbirciato le foto incriminate, hanno infuocato di critiche e proteste le tastiere dei rispettivi pc e smartphone. Il tutto dopo gli ultimi atti vandalici compiuti nel parcheggio del convento dei Padri Passionisti.

«È un'azione inqualificabile. Ma dove siamo arrivati? Il pudore, il buon senso, il rispetto per una facciata che rappresenta molto per l'intera comunità, un luogo di preghiera. Una vergogna quanto abbiamo visto», si legge tra i post che commentano la vicenda delle foto. Ma c'è anche chi pensa al risvolto promozionale per la città: «Un servizio fotografico che farà parlare.
Un'idea geniale, per mettere in risalto le bellezze paesaggistiche della nostra Sora».