Scovata una discarica a Casamari, rintracciati i responsabili che saranno puniti a norma di legge. Sono stati individuati grazie all'esame dei rifiuti contenuti nei sacchetti abbandonati per terra. Pugno duro contro gli "untori" dell'ambiente, la municipale in accordo con il Comune non è più disposta a chiudere un occhio: chi sporca viene multato.

Ennesimo caso di abbandono di rifiuti incontrollato in prossimità del campo sportivo di Casamari, in territorio di Veroli. Una zona nascosta e da anni luogo di scarichi non autorizzati da parte di ignoti. Questa volta, è stato possibile rintracciare i responsabili dopo un'attenta verifica del materiale abbandonato. Tra contenitori di uova, rifiuti organici, plastica e residui di lavorazione edile c'erano infatti documenti che inequivocabilmente hanno permesso di risalire agli autori dell'abbandono. Un lavoro attento e fondamentale per il territorio quello che i caschi bianchi stanno portando avanti, insieme al Comune e alla ditta che gestisce la raccolta differenziata.

Il commento
«Per l'ennesima volta – ha dichiarato l'assessore all'Ambiente, Alessandro Viglianti - siamo stati costretti ad intervenire su una discarica. Non è più tollerabile che per pochi incivili i cittadini debbano sopportare certi scempi i cui costi ricadono su tutta la collettività. Invito sempre i cittadini onesti, anche in forma anonima, a segnalare qualsiasi gesto di abbandono che comporta il degrado del nostro territorio. Senza considerare che, in molti casi, si tratta di gente proveniente da altri Comuni.

Ringrazio nuovamente gli agenti della polizia locale del comandante Berti per l'impegno che stanno mettendo in questa battaglia di civiltà che riguarda tutti, nessuno escluso». Non è raro, purtroppo, che i luoghi più isolati del territorio si trasformino di notte in aree di abbandono di rifiuti. Il Comune aveva annunciato controlli più severi e sanzioni pesanti nei confronti di chi continua a deturpare l'ambiente. Tempi duri per i furbetti.