Gli ex operai dell'Ilva non hanno ancora risposte. Da tempo attendono buone notizie. Hanno fatto diverse manifestazioni, rivolto appelli, a loro si sono uniti quelli dei sindacati, enti, amministratori. Tra questi il sindaco del comune lepino, Lucio Fiordalisio, tornato sulla questione Ilva. Ieri mattina ha inviato una lettera indirizzata alla Provincia di Frosinone con la quale ha chiesto al presidente Antonio Pompeo di aprire un tavolo di discussione sullo stabilimento Ilva di Patrica. E la risposta di Pompeo non si è fatta attendere. «Disponibilissimo a convocare l'incontro, anzi lo farò a stretto giro -ha detto il presidente della Provincia- la questione Ilva di Patrica ci ha visti sempre in prima linea, insieme con il sindaco Fiordalisio e le sigle sindacali.

Il primo cittadino di Patrica, nella lettera, ha sottolineato l'importanza della collaborazione tra istituzioni e in particolare ha fatto riferimento all'attenzione con la quale il presidente Pompeo ha già intrapreso azioni importanti al fianco degli amministratori locali, a sostegno della tutela dei lavoratori e dell'occupazione. «Un incontro necessario che esige la presenza di tutti i rappresentanti sindacali e degli eletti in Parlamento -scrive nella sua nota Fiordalisio- in un momento di profonda crisi per gli ex lavoratori Ilva, che oggi, dopo anni di lotta per riavere un posto di lavoro, si vedono costretti ad annunciare proteste clamorose dopo aver constatato che non vi è alcuna volontà da parte del colosso Mittal di riavviare il sito di Patrica ne ci sono le condizioni necessarie ad una vendita prossima, vista l'incertezza del bando. Il presidente della Provincia si è reso immediatamente disponibile. Il futuro dell'Ilva è un bene primario per tutta la Ciociaria, non solo per Patrica. Un valore che non può rimanere confinato al sistema dei rapporti sindacali tra azienda e lavoratori, ma che deve necessariamente vedere in campo tutte le istituzioni e tutto il loro peso».

E Pompeo rendendosi, dunque, subito disponibile, ha aggiunto: «Abbiamo seguito la vicenda in questi anni, ipotizzando anche possibili soluzioni mai concretizzate. Nei giorni scorsi sono circolate notizie che certo non rassicurano i lavoratori e le loro famiglie. Per cui ringrazio il sindaco di Patrica e mi attiverò subito, nel solco di una linea di azione tracciata dalla Provincia: quella della condivisione con il territorio e i primi cittadini in particolare, rispetto alle reali necessità dei nostri concittadini»