La paura dei furti continua a tenere banco a Pontecorvo. I colpi messi a segno nelle scorse settimane hanno portato tutti i residenti ad alzare al massimo il livello di allerta guardando con attenzione a ogni movimento sospetto. E per lanciare subito l'allarme si usano, ancora una volta, soprattutto i canali social. Proprio il web diventa la cassa di risonanza dei cittadini.

L'ultimo episodio è accaduto lunedì sera quando alcuni residenti hanno segnalato attraverso il web la presenza in via San Giovanni Battista di due persone sospette. Secondo quanto raccontato dagli "internauti" due persone, un uomo e una donna, si sarebbero aggirati nei pressi di alcuni palazzi suonando continuamente i citofoni. E ogni inquilino che rispondeva sentiva la medesima frase: «Scusi abbiamo sbagliato». Un comportamento sospetto che è stato "denunciato" sui social invitando tutti i residenti di via San Giovanni Battista a porre la massima attenzione.

E così in pochissimi minuti il numero delle condivisioni si sono moltiplicate. Ma anche i commenti. Con tanti che chiedevano di segnalare subito ai carabinieri la presenza di queste persone affinché potessero intervenire e, nel caso, bloccarle. La paura per i furti continua ad essere ancora alta. I colpi messi a segno nelle scorse settimane all'interno di alcune attività commerciali del territorio, ma anche in molte abitazioni, hanno spaventato. E mentre il Comune ha varato il progetto dei "varchi d'accesso" che permetterà un telecontrollo di tutto il centro abitato di Pontecorvo attraverso dei tutor che monitoreranno gli ingressi e le uscite dalla città, ci sono anche i condomini che si stanno organizzando.

Sarebbero diversi coloro che vorrebbero proporre nelle assemblee di condominio di installare dei sistemi di antifurto in tutto il palazzo. Un modo per ammortizzare la spesa e avere la maggior sicurezza. Resta, comunque, sempre prioritaria la necessità di allertare subito le forze dell'ordine.