Cinquantasette pini marittimi ritenuti pericolosi e da tagliare, oltre 20 le querce da potare. Intanto domenica notte a Castrocielo un pino pericolante è stato abbattuto con la massima urgenza a seguito dell'allarme lanciato dai residenti.
Si trovava a poco più di 10 metri dall'albero che lunedì scorso con il suo crollo ha causato la morte di Rudj Colantonio e Antonio Russo 32 e 38 anni travolti mentre viaggiavano con la loro Smart lungo la Casilina.Questi i numeri inseriti nei report dei Comuni di Castrocielo e Piedimonte San Germano a seguito dei sopralluoghi. A Piedimonte il sindaco, Gioacchino Ferdinandi, dopo le segnalazioni del 31 agosto è tornato a chiedere all'Astral dimettere in sicurezza la via Casilina con «l'abbattimento urgente delle 20 piante di pino presenti sul tratto locale e la potatura delle 26 piante di quercia». Ieri mattina a seguito del maltempo è stato disposto, attraverso la Polizia locale e l'ufficio tecnico, un accurato controllo del tratto pedemontano «al fine di adottare un provvedimento che permetta agli enti preposti di intervenire». Anche a Castrocielo il sopralluogo del sindaco, Filippo Materiale, con la Polizia locale ha portato a una sola conclusione: «Bisogna abbattere i 24 pini sul lato sud e i 13 sul lato nord della Casilina». Richiesta che il sindaco porterà all'incontro con il commissario dell'Astral.

Paura nella notte
Gli alberi ad alto fusto lungo la Casilina fanno sempre più paura: a Castrocielo, domenica sera, è stato abbattuto uno dei grandi pini sul ciglio della strada che si era pericolosamente inclinato. Il ceppo è stato sottoposto a sequestro. A lanciare l'allarme è stato il consigliere di minoranza e residente della zona, Andrea Velardo, che subito ha richiesto l'intervento dei vigili del fuoco che sono intervenuti ravvisando il pericolo. Quindi è scatta la procedura di messa in sicurezza: vigili del fuoco, carabinieri, forestale e Astral hanno lavorato per ore. «Un pubblico e sentito encomio ai vigili del fuoco, alla guardia forestale, ai carabinieri e agli operatori dell'Astral per la tempestività con cui sono intervenuti nell'ab battimento del pino situato davanti casa in seguito alla nostra segnalazione sulla sua pericolosità ha affermato il consigliere Velardo - Quando ognuno concorre a lavorare per un obiettivo, i risultati non tardano ad arrivare».