Un cane speciale. Jack russel, anomalo vederlo nei panni del poliziotto a quattro zampe. Ben lontano dalle forme del cane lupo, ma per questo straordinario. Piccola taglia, capace di infilarsi ovunque, Pocho è diventato il cane più temuto dai clan della camorra. All'attivo ha chili e chili di droga scoperti e fatti sequestrare. Dalla questura di Napoli giunge spesso anche a Cassino. E nel servizio che il Tg1 gli ha dedicato, sfilano anche le immagini delle sue gesta sulla terra Cassinate.

Pare addirittura che i gruppi camorristi campani abbiano messo una taglia su di lui, cane antidroga per caso dopo che una famiglia lo ha donato alla polizia. Tanti i servizi con gli agenti del commissariato di Cassino nei quartieri caldi della città. Quando qualcuno lo vede, non immagina che quel dolcissimo animale a quattro zampe sia uno dei più esperti cani anti-droga in circolazione.

Durante l'ultimo servizio in zona, nel quartiere San Bartolomeo, ha trovato dosi di cocaina ed eroina nell'androne di un palazzo e marijuana in un sottotetto, contribuendo a scoprire i "metodi Scampia" che pure nei nostri quartieri urbani esistono, con dosi lasciate in punti condominiali da parte dei pusher mentre i clienti posizionano i soldi in intercapedini o punti precisi dei palazzi.
Questo un pezzetto del mondo microcriminale scoperto grazie al cane Pocho. Unico e raro. Jack russell in divisa.