Si accascia nella chiesa di San Pio da Pietrelcina e muore. Un malore improvviso ha colto ieri mattina Giuseppe Pirazzi (Peppe), noto commerciante del centro storico. Peppe aveva 70 anni e il suo negozio in piazza Mazzoli lo conoscevano tutti. Un uomo buono, generoso e dai modi gentili. Un commerciante d'altri tempi, storico nel borgo di Veroli.

Il suo doveva essere un viaggio di piacere, quella visita al santuario di San Pio a cui era molto devoto. Era partito insieme al fratello e altri amici la notte tra sabato e domenica, un pullman pieno di fedeli diretti a San Giovanni Rotondo. Il viaggio era andato bene, poche ore dopo si è consumata la tragedia.
Lui che era devoto e praticante, nel corso della celebrazione eucaristica pare si fosse recato in sacrestia per offrirsi come lettore in quel luogo denso di spiritualità.
Una volta uscito, si sarebbe accasciato al suolo. Una morte improvvisa e a quanto pare, giunta per cause naturali. Sono stati subito allertati i soccorsi ma per il povero Peppe non c'era nulla da fare. Il suo cuore aveva ormai cessato di battere.

Tra il dolore e lo sconcerto di migliaia di fedeli, la salma è stata trasferita al vicino ospedale, in attesa dei familiari che appresa la notizia si sono recati a San Giovanni Rotondo. Con Peppe c'era il fratello, pare colto anche lui da malore. La notizia ieri mattina ha fatto il giro del paese dove il commerciante era molto conosciuto e stimato.