Situazione di massima allerta ad Atina e Picinisco - e in genere in tutta la Valcomino - dove le piogge abbondanti che cadono ininterrottamente da ieri sera, e in via di intensificazione, hanno provocato l'esondazione in più punti del fiume Melfa creando grande apprensione. L'acqua è arrivata nelle strade del centro della Valcomino e la gente inizia ad avere paura. 

Stessa situazione a Picinisco, dove si registrano anche diverse frane e numerosi alberi sono caduti sulle strade creando problemi alla circolazione stradale e agli automobilisti. In entrambi i paesi si è riunito il Coc (Centro operativo comunale della Protezione civile) per fare il punto della situazione ed adottare tutte le misure necessarie a mettere in sicurezza le zone a rischio e ad evitare problemi e disagi alla popolazione. 

E proprio poco fa la stessa Protezione civile ha deciso di chiudere tutte le strade afferenti a Ponte Melfa, dove la situazione è molto critica. Davanti alla Ferriera ci sono i volontari della protezione civile, mentre risulta completamente allagata l'uscita che da San Donato va a Ponte Melfa e che di conseguenza è stata chiusa. 

Arriva la ricostruzione ufficiale del drammatico episodio verificatosi questa mattina nel fiume Melfa, in territorio di Atina, con protagonisti due giovani. A renderla nota sono i carabinieri della Compagnia di Cassino. 

"Alle prime luci dell'alba di oggi, in territorio di Atina, i militari della locale Stazione, unitamente a quelli dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia, a seguito di una specifica richiesta di aiuto, si portavano sul luogo dove due giovani, un 19enne di Picinisco e un 17enne di Casalvieri, si trovavano aggrappati al tetto di un'utilitaria in loro uso, una fiat Panda, parcheggiata in via Lungo Melfa e letteralmente invasa dalle acque di esondazione del vicino fiume Melfa, straripato per la copiosa pioggia caduta nelle ultime ore".

I due giovani, che avevano passato la notte in auto, addormentandosi al suo interno, e si erano svegliati con l'acqua dentro l'autovettura, una volta resisi conto di quanto era accaduto si sono sporti fuori dell'abitacolo e si sono aggrappati al tetto della macchina per evitare di essere sommersi dal'acqua. Quindi, con il cellulare, il cui funzionamento per loro fortuna non era stato minato dall'acqua, hanno chiesto aiuto alle forze dell'ordine. Pochi minuti e sono stati tratti in salvo dai carabinieri intervenuti sul posto (e che non hanno esitato a gettarsi nelle acque gelide del fiume per raggiungere la Fiat Panda) che li hanno portati a riva. Subito dopo sono stati soccorsi dal personale del 118 che ha prestato loro le cure del caso. I due giovani stavano abbastanza bene e accusavano solo uno stato di iniziale ipotermia dovuto al tempo passato immersi nelle acque fredde del Melfa che avevano sommerso la loro macchina.Tanta paura, insomma, ma fortunatamente si è riusciti ad evitare il peggio.  

Sul posto sono tempestivamente intervenuti anche i vigili del fuoco del distaccamento di Sora. 

di: La Redazione

La pertubazione annunciata da giorni è arrivata anche in Ciociaria, che dalla tarda serata di ieri è flagellata da venti forti e piogge abbondanti, che in molti casi hanno assunto le caratteristiche di veri e propri nubifragi. Molti i disagi, soprattutto alla circolazione stradale e non solo: a Supino sono caduti in strada diversi rami di alberi spezzati dal vento forte mentre ad Atina una coppia di giovani che era in auto è stata sorpresa dalla piena del fiume Liri e salvata dai vigili del fuoco, dopo che la loro vettura era stata travolta e trascinata nell'acqua; ma molti altri sono i problemi che si registrano un po' su tutto il territorio. 

Ad Alatri, come in tutto il nord della provincia, le piogge sono state più abbondanti che in molte altre zone, e le strade in diversi casi si sono trasformate in veri e propri torrenti rendendo difficile, se non impossibile, il transito automobilistico. Problemi avvertiti sia nella vasta campagna del centro ernico che nel centro storico. Qui, nella parte più antica, nei pressi di Porta San Nicola, dove la pendenza della via è molto accentuata, complici anche diversi tombini che sono saltati sotto la spinta e la violenza dell'acqua, le strade sono diventate veri torrenti in piena, come ben dimostrano le immagini del video girato da Marco Ritarossi. Disagi alla circolazione delle auto, quindi, ma anche problemi per i pedoni e in genere per tutta la popolazione. 

di: La Redazione

Si sono delineati con maggiore precisione i particolari del salvataggio dei due giovani che nelle prime ore di questa mattina sono rimasti intrappolati in auto sorpresi dalla piena del fiume. La coppia, come detto nel primo lancio, si era fermata in macchina sulle sponde del corso d'acqua, in località Ponte Melfa, quando l'ondata li ha travolti facendo finire la loro vettura nel vicino torrente. 

Immediatamente, resisi conto del pericolo ed impossibilitati ad uscire da soli dall'auto per la violenza dell'acqua, hanno allertato i soccorsi. Sul posto si è rapidamente portata la squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Sora. I "caschi rossi" in pochi minuti sono riusciti a portare in salvo gli occupanti che, una volta a riva, sono stati affidati alle cure dei sanitari del 118, anche loro giunti sul posto dopo l'allarme lanciato. 

L'intervento di salvataggio è stato reso difficile dal fatto che i due giovani erano completamente bagnati ed erano affetti, presumibilmente, da un principio di ipotermia. Insomma, ancora poco e per la coppia la situazione sarebbe potuta precipitare. Per fortuna, invece, tutto si è risolto con una bella dose di paura.

In merito, le forze dell'ordine e la protezione civile rinnovano l'invito a mettersi in macchina solo in casi di stretta necessità e con la massima prudenza. 

di: La Redazione

Prime conseguenze dell'incessante pioggia che dalle 23 di ieri flagella la Valcomino, così come tutta la Ciociaria (con problemi anche a Supino dove molti rami di alberi sono stati spezzati dalle forti raffiche di vento e sono finiti sulle strade richiedendo l'intervento della Protezione civile).

Nel territorio di Atina una coppia di giovani, fermi sulla riva del Melfa in località Case di Melfa, sono stati sorpresi dalla piena del fiume. L'ondata ha letteralmente sommerso la loro auto facendo temere il peggio. Per fortuna, grazie alla prontezza di riflessi e avendo rapidamente compreso cosa stava accadendo, i due sono riusciti a mettersi in salvo, l'auto no, è stata portata via dalla piena.

di: Marco De Luca

Primi interventi per il maltempo. A Supino sono a lavoro i volontari della protezione civile per rimuovere alcuni alberi caduti sulle strade. Il forte vento ha provocato la rottura di diversi rami. Il sindaco Gianfranco Barletta nel pomeriggio, come molti altri amministratori dei paesi limitrofi, ha diramato una nota invitando i cittadini alla massima prudenza nelle prossime ore.

"Da domani le condizioni meteo nel nostro territorio tenderanno a peggiorare - sottolinea Barletta - Forti piogge e vento colpiranno il nostro paese. Da questa sera sarà operativa la locale sezione di protezione civile. Raccomando a tutti i cittadini la massima prudenza e di limitare quanto più possibile gli spostamenti, se non strettamente necessari. Per qualsiasi emergenza la protezione civile di Supino risponde al numero 3385729020".

di: Nicoletta Fini