Un 36enne, già noto alle forze dell'ordine per contrabbando di farmaci illegali è stato fermato con denaro e biglietti, di cui non ha saputo dare spiegazioni. Subito gli agenti hanno ipotizzato un traffico di stupefacenti.

I fatti

Il personale della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, nel corso di servizi di vigilanza autostradale, nel transitare all'altezza del chilometro 659+000, direzione Sud, ha intimato l'Alt ad una Peugeot 3008 di colore grigio scuro, con il solo conducente a bordo, che è stato dunque identificato.  Nel frangente, l'attenzione dei poliziotti è stata attirata da numerosi foglietti, su cui sono annotate cifre e varie sigle: l'uomo, con un certo nervosismo, non ha fornito spiegazioni in merito. Poiché lo stesso è gravato da pregiudizi penali con contrabbando di farmaci illegali, gli agenti hanno ritenuto opportuno effettuare un controllo più accurato, che ha portato al rinvenimento nel portaoggetti/bracciolo, posto tra i due sedili anteriori, di 4 confezioni contenenti banconote di vario taglio, quantificate successivamente per euro 51980,00. A riguardo vengono fornite informazioni contraddittorie, senza alcuna giustificazione circa i pacchetti di denaro sigillati e siglati.  Alla luce di quanto emerso, avendo fondato motivo che l'ingente quantità di denaro fosse frutto di attività illecita, lo stesso viene denunciato in stato di libertà alla competente A.G.. Denaro e materiale cartaceo sono stati sottoposti a sequestro, per successivi accertamenti.