Erano entrate all'interno di un negozio di vestiti di via Vitruvio a Formia con l'intenzione di fare shopping. Ma gratis. In due erano riuscite a portare via merce per un valore di oltre 600 euro.
Studentesse insospettabili, quelle fermate poco dopo il tentato furto, una in "trasferta" da Cassino.

Il colpo era quasi riuscito ma le due giovani di 14 e 15 anni, originarie di Minturno e Cassino sono state prese poco prima di svanire nel nulla col malloppo. Le due arrestate, entrambe minorenni, sono state fermate per furto aggravato in concorso e porto di oggetti atti ad offendere. L'episodio si è verificato lunedì pomeriggio, quando i militari del locale Norm hanno tratto in arresto le due studentesse (una della città martire) con l'accusa di "furto aggravato in concorso" e "porto di oggetti atti ad offendere".

Secondo la ricostruzione fornita dalle forze dell'ordine, le giovanissime provando a eludere il controllo del personale addetto alla vigilanza all'interno del negozio, sono state bloccate dai militari dopo aver portato via in due diversi esercizi commerciali di Formia diversi capi di abbigliamento per un valore complessivo di circa seicento venti euro. Dopo le formalità di rito, la merce è stata restituita ai proprietari. All'interno dei rispettivi zainetti che le ragazze indossavano, i militari hanno trovato anche un coltello a serramanico, una tronchesina e una forbice. Le arrestate, dopo le formalità di rito, sono state condotte presso il centro di prima accoglienza di Roma, come disposto dall'autorità giudiziaria.