Nuove scorrerie vandaliche a Ferentino a scapito del Comune e della cittadinanza. Ci chiediamo, si tratta di vandali o di giovani annoiati e in cerca di emozioni forti? In realtà uno dei raccoglitori degli escrementi dei cani, con annessi sacchetti igienici, sistemati da qualche anno dal Comune in zone diverse del centro storico, è stato sradicato da terra e infilato dentro un contenitore della raccolta dei rifiuti. Va detto che quei raccoglitori sonopiuttosto pesanti,quindi c'è voluta una prova di forza per spezzarlo alla base (di ferro) per poi sollevarlo, come minimo in due persone, e introdurlo interamente dentro il cestino. Inconvenienti questi che oltre a comportare dei costi che ricadono sulla collettività, richiedono ulteriore lavoro a carico degli operatori ecologici.

L'episodio incivile si è registrato nell'area sottostante il palazzo Martino Filetico, al di sotto del campetto polivalente, dove tra l'altro ieri mattina era possibile notare anche cocci di vetro disseminati sulla strada e qualche bottiglia vuota. Pochi giorni fa abbiamo messo in evidenza i frammenti di vetro lasciati pericolosamente lungo le strade e nei piazzali del centro storico e non soltanto. Ma anche sportelli dei contatori divelti, cestini di ghisa per la raccolta dei rifiuti danneggiati e talvolta anche le panchine vengono prese di mira. Addirittura mettono a rischio perfino la propria vita i vandali sfrenati. Nei viali sottostanti al corso del Vascello, un palo della pubblica illuminazione è stato danneggiato, gli ignoti hanno tagliato i fili elettrici alla base della lanterna lasciandoli penzolanti. Spesso sentiamo parlare di controlli e vigilanza di notte, ma come si può pensare di tenere sotto controllo in ogni istante l'intero territorio cittadino? Casomai bisogna crescere: senso della responsabilità e controllo delle proprie azioni. Fondamentale, indubbiamente, è il ruolo della famiglia e della scuola.