Casa dello spaccio alla Vittoria, arrestato ventunenne originario di Frosinone. Ad incastrarlo un trentenne di Castelliri che beccato dai carabinieri con due dosi di crack, ha smascherato il pusher. Durante un normale controllo di prevenzione e repressione dei reati di spaccio, i militari del nucleo operativo della compagnia di Sora al comando del capitano Valentino Iacovacci, hanno fermato e perquisito un trentenne di Castelliri che dopo aver consegnato ai militari due dosi di crack, ha rivelato diaverle acquistate a Veroli. Grazie a tale confessione, l'attività investigativa dei carabinieri si è quindi spostata nella città ernica, in contrada la Vittoria.

L'abitazione del presunto spacciatore era un seminterrato con porta blindata e telecamera di videosorveglianza che seppur occultata, i carabinieri sono riusciti a individuare, evitando di essere a loro volta visti. Bisognava però attendere il momento opportuno per coglierlo in flagranza di reato. Così dopo un'ora di appostamento, sono entrati seguendo un cliente. È iniziata la perquisizione domiciliare. Il ventunenne Kevin Caperna è accusato di aver nascosto, in cucina, in alcuni barattoli per uso domestico 36 dosi di cocaina già confezionate del peso di 7,20 grammi, ventidue dosi di crack del peso complessivo di 7 grammi e 14 dosi da 35 grammi di hashish già confezionate. Il tutto destinato all'attività di vendita del weekend, quando la richiesta è maggiore.Trovati anche 685 euro presumibilmente proventi dello spaccio. Tutto sequestrato.

L'arrestato disoccupato, difeso dall'avvocato Luigi Tozzi, dopo l'udienza di convalida, è stato posto agli arresti domiciliari, mentre l'acquirente è stato segnalato come assuntore alla prefettura di Frosinone. Sempre nel corso dei controlli, i carabinieri delle varie stazioni hanno effettuato posti di blocco in simultanea, in modo da cinturare i comuni di Monte San Giovanni Campano, Isola e Sora dove di recente si sono verificati furti in abitazione. Sono stati individuati soggetti con precedenti specifici, tutti segnalati e allontanati come è successo a Strangolagalli dove è stato denunciato per inosservanza un uomo già preposto per il foglio di via.