Ponte Bailey addio. Conto alla rovescia per lo smontaggio della struttura provvisoria per garantire comunque la riapertura del traffico sul viadotto Biondi. Entro quattro mesi secondo le previsioni si dovrebbe arrivare alla definitiva realizzazione del nuovo ponte. Lunedì e martedì saranno gli ultimi due giorni in cui si potrà circolare sul Bailey. Da mercoledì 17, infatti, inizieranno le operazioni di smontaggio della struttura metallica e, contemporaneamente, andrà a regime la nuova viabilità studiata dal Comune per il trasporto pubblico con l'obiettivo di alleviare i prevedibili disagi alla circolazione stradale. Si tornerà, insomma, al periodo immediatamente successivo al crollo dell'ultima parte del viadotto. E di questo gli automobilisti frusinati e non dovranno tenerne conto.

Chi da Frosinone alta dovrà dirigersi verso la zona bassa e viceversa, inevitabilmente, finirà per riversarsi su viale Mazzini, viale America Latina e viale Roma, mentre a scendere sicuramente aumenteranno le auto in transito in via Fosse Ardeatine e in via Ciamarra. Le ore critiche saranno quelle in coincidenza con l'entrata e l'uscita da scuola. I frusinati, insomma, dovranno armarsi di pazienza e valutare percorsi alternativi o anticipare l'uscita di casa per evitare di rimanere imbottigliati nel traffico.

Lo smontaggio del ponte Bailey è stato richiesto dalla Regione Lazio in vista del completamento dei lavori di bonifica della frana che ha interessato il versante sul quale poggiava il pilone della parte del viadotto poi crollata. L'operazione dovrebbe chiudersi entro quattro mesi. Si tratterà di ultimare la bonifica nella parte superiore del versante, quindi, nella seconda fase, si procederà a rifare il piano stradale e a risistemare il ponte così com'era una volta. La Regione ha chiesto al Comune di procedere subito con i lavori, ritenendo troppo in là nel tempo la proposta dell'amministrazione Ottaviani di attendere la conclusione dell'anno scolastico per intervenire. La Regione così facendo risparmierà circa 350.00 euro rispetto a un intervento posticipato di alcuni mesi.

Nel frattempo, consapevole del prevedibile congestionamento della circolazione, il Comune di Frosinone ha pensato di rafforzare i collegamenti con i mezzi pubblici. Sempre da mercoledì 17 ottobre, saranno incrementate le corse delle navette e dell'ascensore inclinato. In via sperimentale, fino al 31 ottobre, le navette potranno essere utilizzate gratuitamente.
«L'obiettivo -si legge in una nota del Comune- è di ridurre al minimo i disagi per la cittadinanza provocati dalle operazioni di rimozione dell'infrastruttura, realizzata dall'amministrazione Ottaviani due anni fa, per collegare nuovamente la parte superiore e quella inferiore della città, separate a causa della frana del viadotto Biondi del 2013».

La partenza delle navette è prevista dai capilinea ogni 10 minuti nelle fasce orarie mattutine e centrali; ogni 20 minuti nel resto della giornata.
Capolinea piazza Salvo D'Acquisto, via Moro, piazzale De Matthaeis, tunnel di viale Roma, via San Gerardo (fermata al parcheggio), piazza Risorgimento, via Sella, via Minghetti, piazzale Vittorio Veneto, corso della Repubblica, via De Gasperi, via Fosse Ardeatine, via San Gerardo, tunnel di viale Roma, piazzale De Matthaeis, via Adige, piazza D'Acquisto.
Orario: 7.20 7.30 7.40 7.50 8 8.10 8.20 8.30 8.40 -12.50 -13 -13.10 -13.20 -13.30 -13.40 -14 14.20 -14.40 -15.00 -15.20 -15.40 -16 -16.20 -16.40 -17.
Per l'ascensore inclinato sono previste partenze ogni cinque minuti nelle fasce orarie 7.30-8.30 e 12.45-14.30. Nelle altre fasce si seguiranno i turni ordinari.