Tempi duri per chi trasgredisce le regole grazie all'occhio (elettronico) vigile dell'amministrazione guidata dal sindaco Vincenzo Quadrini. Infatti, grazie alle telecamere piazzate in molti punti della città, i "furbetti" dei rifiuti che abbandonano l'immondizia per strada o nei campi sembrano ormai spacciati. Finora nella rete ce ne sono caduti trentadue, tutti rintracciati e multati. «A fronte delle continue segnalazioni di abbandono scriteriato di rifiuti in alcune zone della città - spiegano in una nota congiunta l'assessore alla polizia municipale Ilaria Pantano e il consigliere delegato all'ambiente Pierluigi Romano - già dalla scorsa estate, con l'approvazione di una modifica al regolamento, è iniziata un'attività di contrasto supportata anche dalla videosorveglianza che ha portato a brillanti risultati. Sono 32 i verbali di contestazione da 50 euro ciascuno che la polizia locale ha elevato per violazione al regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani, altri sono in arrivo. Di questi, ben 13 verbali son stati elevati grazie ai dati forniti dalla visione di immagini e fotogrammi estratti dai filmati della videosorveglianza, che hanno consentito di risalire all'identità dei responsabili delle violazioni, grazie all'attività della polizia locale con il sistema informatico Mctc».

Insomma, la guerra agli incivili non è più solo annunciata ma si è passati all'azione. «L'abbandono dei rifiuti o di un loro scorretto smaltimento è uno di quei fenomeni di cui riceviamo maggiori lagnanze da parte dei cittadini sottolineano Pantano e Romano Tali segnalazioni sono sacrosante in quanto riguardano l'inciviltà di pochi che però ha conseguenze sulla vita dell'intera comunità. Il recente sistema di videosorveglianza ha grande valenza sia sul piano ambientale che su quello della prevenzione: la certezza di essere sanzionati rappresenta un ottimo deterrente per chi ha intenzione di smaltire in modo errato i propri rifiuti. Ringraziamo il comando della polizia locale che sta lavorando alacremente e i nostri concittadini che ci indicano dove intervenire con i controlli, dimostrando grande insofferenza nei confronti degli incivili». «È un primo risultato importante sul quale puntare per arginare questo fenomeno - fa loro eco il comandante dei vigili urbani Bruno Di Palma. Grazie all'installazione delle diverse videocamere in molti punti della città, riusciamo a identificare coloro che si rendono colpevoli dell'abbandono di rifiuti»