Una follia che poteva terminare nel peggiore dei modi. Una lite di quelle che non dovrebbero accadere e che invece, sempre più spesso, diventano parte dell'ordinario. Stavolta è una coppia di pensionati al centro della cronaca. Lui 78 anni, romano, lei 75, originaria di Veroli. L'uomo aveva raggiunto la sua ex compagna a casa, in zona Tufello a Roma, e, dopo un violento alterco scaturito per motivi riconducibili alla del fine loro rapporto, l'ha colpita al viso ed alla testa con un grosso bloccasterzo metallico, lasciandola a terra, sanguinante sul pianerottolo condominiale e scappando a bordo della sua auto. Il litigio ha attirato l'attenzione di alcuni vicini di casa che così hanno contattato il 112. I militari, una volta arrivati sul posto, hanno soccorso la vittima che è stata trasportata al Sant'Andrea dove ora si trova ricoverata ma non in pericolo di vita. E' subito scattata anche la caccia all'uomo: l'anziano è stato rintracciato a bordo della sua vettura vicino la sua abitazione. Alla vista dei carabinieri, l'uomo ha accelerato tentando di dileguarsi ma è andato ad impattare contro un altro veicolo parcheggiato. Il 78enne, che non ha riportato alcuna ferita, è stato tratto in arresto per 'tentato omicidio' e trasferito in carcere a Regina Coeli, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Rinvenuto nel bagagliaio e sequestrato il bloccasterzo usato per colpire la vittima.