Chiede un posto per disabili, ma dopo tre mesi e una domanda scritta ancora niente. A sollecitare il Comune di Monte San Giovanni Campano è una cittadina invalida al 100%. La domanda era stata presentata all'inizio dell'estate agli uffici competenti. Invece è rimasta chiusa nel cassetto. Così la signora, alla quale è stata riconosciuta un'invalidità totale, ha deciso di sollecitare chi di competenza per ottenere finalmente quello che le spetta di diritto.

«La richiesta al Comune l'ho presentata tre mesi fa – ci ha raccontato – anche il comando della municipale al quale mi ero rivolta mi aveva fatto capire che non c'erano problemi. Sono finita dal sindaco con la stessa richiesta e ho subito trovato massima disponibilità. Anzi, lui stesso mi aveva rassicurata perché quel posto mi spettava di diritto. Invece, è trascorsa l'estate e non ho visto nessuno. Non mi sono persa d'animo e sono tornata dal vicesindaco. Non riesco proprio a capire il motivo di un tale ritardo, purtroppo ne ho davvero bisogno di quel posto e ogni giorno che passa ho sempre più difficoltà a deambulare».

La signora, che deve usare le stampelle, vive lungo una strada in discesa dove è particolarmente difficile trovare parcheggio. Camminare è faticoso, senza considerare che un'eventuale caduta potrebbe aggravare una situazione già al limite. «Questa salita non riesco proprio a farla – ha spiegato – e la discesa è anche peggio. Ho un'invalidità con l'accompagno e tanto di tesserino auto. Non so più a chi rivolgermi. Non sto chiedendo niente, solo quello che mi spetta per legge».
Forte, dunque, l'appello della signora monticiana agli enti competenti.