La scuola è ricominciata solo da pochi giorni ma i problemi tornano a fare capolino. In particolare negli orari di ingresso e uscita davanti agli ingressi dei plessi il caos regna sovrano. Dalle 7.45 alle 8.45 e dalle 12.30 alle 13.30 piazza Green e via Alfieri, ma anche viale Europa diventano gironi infernali.

Le maggiori criticità, ovviamente, si registrano davanti alle scuole materne, alle elementari e alle medie. Centinaia di macchine vengono lasciate in sosta selvaggia, in doppia e terza fila, per gli altri automobilisti è letteralmente impossibile passare. Ma il vero problema nasce dalle trasgressioni. Infatti ci sono delle precise regole che riguardano la viabilità nei pressi delle scuole, regole che dovrebbero essere applicate negli orari più sensibili.
Non sono consuetudini o consigli, ma proprio regole che, in alcuni casi,sono ben scritte e riportate sulla cartellonistica e sulla segnaletica orizzontale e verticale.

In particolare in via Alfieri, la strada che si trova di fronte all'ingresso della scuola media Conte e di quello delle elementari "Pio Di Meo", c'è divieto di transito veicolare dalle 8 alle 9 e dalle 12.30 alle 13.30, ma le macchine sfrecciano tranquillamente anche nelle ore di divieto.
La mattina qualche volontario cerca di gestire il traffico, ma i trasgressori sono molti e in tanti riescono ad entrare. In viale Europa, davanti al cancello della Mattei, la regola prevede il senso unico di marcia negli stessi orari, molti ignorano volontariamente o inconsapevolmente questa norma e generano dei veri e propri ingorghi che paralizzano il quartiere.

In realtà il vero problema, oltre ai disagi del traffico che poi in una mezz'ora sparisce, è il rischio che corrono gli studenti che si trovano nell'area. I ragazzi escono correndo e a volte scappano all'attenzione dei genitori. Nella confusione si gettano in strada e il passaggio incontrollato delle vetture rappresenta un pericolo costante.