I ritardi aerei possono essere non solo un contrattempo, ma anche fonte di grossi problemi. Ne sanno qualcosa il viaggiatore ciociaro che ha ottenuto un rimborso per i ritardi e gli altri due che sono in attesa. «Un viaggiatore ciociaro ha ottenuto un rimborso di 600 euro per via di un ritardo che ha superato le tre ore e che non gli ha permesso di arrivare nei tempi previsti a Bangkok, meta finale del suo viaggio», spiegano dall'associazione Codici che ha curato il ricorso. Il passeggero dopo aver fatto un primo scalo è stato costretto ad attendere oltre il lecito la coincidenza da parte della compagnia aerea, che ha di fatto cambiato la tabella di marcia del viaggio. Il viaggiatore, al ritorno in Ciociaria, ha subito attivato gli uffici dell'associazione Codici da dove è partita la richiesta di risarcimento per il grave ritardo che ha superato le tre ore. Il vettore è stato così costretto a versare la cifra di 600 euro.

Altri due viaggiatori frusinati si sono rivolti agli sportelli dell'associazione del presidente avvocato Giammarco Florenzani per lamentare un ritardo di circa 7 ore di un volo che da Oslo doveva riportarli a Roma. La coppia è stata costretta a tornare a casa in piena notte tra mille peripezie. Il Codici ha avanzato alla Norwegian, compagnia di bandiera norvegese, la richiesta di risarcimento. «Siamo a disposizione di tutti i viaggiatori che sono stati penalizzati dai ritardi delle compagnie aeree», spiega Florenzani».