Un passo carrabile che "divide" i residenti del quartiere San Bartolomeo e che si trova in via Pertini. Stando a quanto raccontato da un residente l'amministrazione ad oggi è stata incapace di risolvere un pasticcio commesso dagli uffici comunali relativo al passo carrabile.

A raccontare la storia è il signor Alfredo: «Nel 1996 gli uffici comunali rilasciano erroneamente un passo carrabile in Via Pertini. L'ufficio preposto alla disamina degli atti non si rende conto che il richiedente non confina con viale Pertini nel luogo indicato dal richiedente. Il passo carrabile dà accesso ad un'area comunale e interessa l'area privata di una cooperativa su cui il richiedente del passo carrabile avrebbe realizzato abusivamente una strada. I proprietari del terreno su cui grava illegittimamente il passo carrabile ne hanno chiesto la revoca ma a distanza di 20 mesi il comune non ha ancora trovato la soluzione per risolvere la questione. Il Comune ha riconosciuto che la strada su cui grava il passo carrabile è abusiva e non di proprietà di chi ha richiesto il passo carrabile. Ciò nonostante continua a legittimarne il transito concedendo delle proroghe. I titolari del passo carrabile hanno chiesto una sospensiva di 60 giorni al provvedimento di revoca del passo carrabile, revoca che è stata concessa dopo ben 12 mesi di istruttoria. Ma la cosa non finisce qui perché pur non avendo presentato ulteriore istanza di prosieguo della sospensiva la giunta con altro deliberato concede ulteriori due mesi di proroga».

E i residenti attendono da oltre vent'anni che i loro diritti siano ascoltati e rispettati.