Fieno raccolto a Nocione nella notte, scatta l'intervento dei carabinieri forestali di Cassino: sequestrate due balle. La posizione delle persone bloccate sull'area interdetta, quella sottoposta all'ordinanza del sindaco D'Alessandro, resta al vaglio dei militari.

Costanti i controlli da parte dei carabinieri forestali che sia di giorno che di notte non mollano la presa. Così nella tarda serata di lunedì i militari hanno "beccato" alcuni lavoratori che stavano raccogliendo il fieno proprio nella zona in cui - con l'ordinanza del sindaco (la numero 233 del 27 luglio scorso) - è fatto espresso divieto di coltivazione, pascolo ed emungimento delle acque. Nei giorni scorsi, poi, la richiesta depositata in procura da Edoardo Grossi in qualità di membro della Consulta dell'Ambiente di Cassino con cui veniva richiesto di bloccare la mietitura o sottoporre a sequestro quei campi (che rientrano espressamente nell'ordinanza del sindaco) coltivati a cereali e prossimi al raccolto. «I cereali nell'area interdetta potrebbero essere raccolti nei prossimi giorni e finire nella catena alimentare, mettendo a rischio la salute dalla popolazione», si legge nell'istanza.
Per questo si chiedeva di intervenire nei confronti di chiunque violi o abbia violato l'ordinanza sindacale. Mai richiesta fu tanto profetica.