Odissea per i frequentatori del centro sociale di Alatri, in pellegrinaggio al santuario della Santissima Trinità. Nessun problema durante il viaggio d'andata con l'arrivo intorno alle 8. Gli anziani, dopo la consueta visita del santuario e l'ascolto della messa, alle 12.15 circa si sono rimessi in viaggio. Ma dal quel momento è cominciato un vero e proprio calvario.

I mezzi sono rimasti bloccati perché, a causa della strada stretta, da una parte scendevano, mentre dall'altra continuavano a salire. Oltre alle macchine parcheggiate ai lati. Per questo il pullman del centro sociale di Alatri non riusciva più né a salire né a scendere. Le persone hanno vissuto momenti di difficoltà tra macchine in panne e apprensione. La soluzione, grazie al contributo di coloro i quali hanno preso in mano la situazione, si è sbloccata dopo circa un'ora. Presente il consigliere Maurizio Maggi nel ruolo di accompagnatore del centro sociale.

«Non voglio fare assolutamente polemiche - ha sottolineato - Ma credo che vada trovata necessariamente una soluzione perché non è pensabile continuare facendo salire macchine fino al piazzale quando c'è la consapevolezza, sia visiva che pratica, che lo spazio non è sufficiente».

Il consigliere prosegue facendo un quadro della situazione vissuta nella giornata di ieri: «Gli automobilisti erano esasperati perché pagavano il biglietto e poi non trovavano posto e dovevano, dunque, tornare indietro parcheggiando lungo la strada riducendo le corsie di marcia. In quel punto - conclude Maurizio Maggi - Deve essere istituito un senso alternato per evitare situazioni come quella accaduta oggi (ieri, ndr)».