La famiglia di Giuseppe chiede un nuovo aiuto: il ragazzo deve assumere la cannabis terapeutica che ha un costo elevato. Ricordiamo che già nello scorso mese di maggio fu sollevato il caso che descriveva la storia del ragazzo di Sora che nel 2012, dopo alcune crisi, entrò in coma: il giovane è affetto da encefalopatia immunomediata con epilessia emiparesi.

Il ragazzo dovrà subire un altro intervento all'ospedale Bambino Gesù di Roma e in questi giorni sui social sono virali i nuovi appelli d'aiuto della mamma di Giuseppe. Il Comune di Sora è vicino alla famiglia di Carnello con dei sostentamenti economici, ma non bastano ed ecco che viene chiesta una corsa alla solidarietà: diverse persone già si sono fatte avanti, ma le cure e i viaggi per portare Giuseppe a Roma hanno un costo sempre maggiore da esser sostenuto.