Non c'è pace per i titolari di bar lungo la Casilina. Ancora una volta un furto con scasso con danni ingenti alla struttura, slot machine e apparecchiature, oltre al valore in denaro della refurtiva. L'amara scoperta è stata fatta ieri mattina all'alba dai titolari del bar "Zio Paperone" lungo la trafficata arteria in territorio di Ripi.

La cronaca
La banda di professionisti ha agito nel cuore della notte scorsa. Sono entrati da una finestra laterale senza balcone e dopo aver posizionato una scala all'esterno, vista l'altezza di sei metri da terra, hanno tagliato le barre di protezione. E così i ladri penetrati all'interno del bar prima di pensare a rubare il denaro presente nel registratore di cassa e nelle slot oltre ai gratta e vinci, hanno disattivato il sistema d'allarme e i cavi della videosorveglianza posti all'interno del locale. A questo punto una volta che si sono messi in sicurezza si sono diretti verso il registratore dove c'erano dei soldi, verso le slot e poi hanno rubato i gratta e vinci. Una volta compiuto il furto con scasso si sono dileguati indisturbati. Ieri mattina i titolari giunti per aprire il bar, come ogni mattina, hanno fatto l'amara scoperta. Una volta entrati nel locale hanno subito notato i danneggiamenti. A questo punto hanno subito chiamato i carabinieri che sono giunti per avviare le prime indagini. Intanto per i titolari da ieri mattina è iniziata la conta dei danni che oltre al valore della refurtiva, riguarda anche i danni agli infissi del bar, circa 2500 euro, alle slot, circa 7mila euro tra soldi e danni e agli impianti. Inutile nascondere la loro amarezza per questo nuovo fatto di cronaca che vede i bar posti lungo le arterie di grande scorrimento, come obiettivi privilegiati delle bande di ladri. Spesso provenienti da fuori Provincia.