Pusher sempre più in difficoltà e piazze più tranquille: la prevenzione dei carabinieri funziona e comincia a dare i suoi frutti. Oltre a 25 persone identificate, 16 i veicoli ispezionati e 4 perquisizioni eseguite, i carabinieri hanno individuato e segnalato diversi assuntori. La Compagnia Carabinieri di Cassino agli ordini del capitano Mastromanno e del luogotenente Raucci con il coordinamento del Comando Provinciale di Frosinone, guidato dal colonnello Cagnazzo, ha infatti intensificato i servizi di controllo al fine di effettuare una sempre più incisiva ed efficace azione preventiva e repressiva nel contrasto dei reati in genere e, in particolare, alla prevenzione e repressione dell'uso di sostanze alcoliche e stupefacenti. «Nello specifico sono stati incrementati i servizi di vigilanza e disposti posti di controllo oltre a porre maggiore attenzione ai luoghi della movida, maggiormente frequentati dai giovani» hanno spiegato dal comando provinciale.

Più nel dettaglio, i militari hanno segnalato in prefettura in qualità di assuntori un ventisettenne cassinate (già noto per analoghi reati oltre a quelli contro il patrimonio e la persona) trovato in possesso di una dose di hashish; due ventenni di Cassino fermati con quattro grammi della stessa sostanza; uno studente di ventuno anni del Cassinate che, controllato in piazza Nicolas Green, aveva nelle tasche una modesta quantità di droga. Proposto per lui anche un foglio di via obbligatorio.
Denunciato per il reato di inosservanza di un provvedimento dell'Autorità Giudiziaria un trentacinquenne cassinate, già noto per spaccio, danneggiamento, falsità ideologica e sottoposto ad avviso orale: sottoposto all'obbligo di dimora con la prescrizione della permanenza nella sua abitazione dalle 22 alle 06, durante il controllo non era presente, risultando irreperibile