Rovi, erbacce e disagi per i frequentatori: il sottopassaggio della stazione ferroviaria è invaso dalle piante selvatiche a ridosso del muro portante. Da diverse settimane, i rami delle piante sono sconfinati dal recinto del terreno abbandonato. Questo crea problemi ai pedoni che quotidianamente utilizzano il collegamento per raggiungere via Pier Luigi da Palestrina da via Giacomo Puccini e viceversa. La struttura, fondamentale per la viabilità del quartiere Scalo di Frosinone, è inoltre stata presa d'assalto dai vandali. I muri sono stati ricoperti da scritte che, benché tinteggiate poco tempo fa, sono ricomparse grazie a qualche buon intenzionato che ha scelto il sottopassaggio per esprimere il proprio estro artistico (non proprio esteticamente apprezzabile, in ogni caso).

Non è insolito poi trovare sporcizia e materiali abbandonati nella rientranza che si apre a metà della passerella pedonale.
Insomma, tra incivili e piante fuori controllo, il sottopasso che ospita una delle opere del "Buio a colori", da piccola "sala espositiva" a tipica struttura periferica. Nel mentre, almeno sulla Monti Lepini nei giorni scorsi la De Vizia ha pulito le erbacce che stavano sconfinando sulla carreggiata all'altezza dell'incrocio con via Pietro Mascagni