Un fenomeno in netto aumento, soprattutto nel Basso Lazio, quello dei cartelloni pubblicitari abusivi. Si trovano ovunque , lungo le strade provinciali o le arterie a scorrimento veloce che portano dalle principali città ai comuni limitrofi. Così come le strade che collegano Cassino a Sant'Elia, o quelle di accesso della città martire alla superstrada per Sora e Formia.
Nelle scorse settimane il prefetto Ignazio Portelli ha avuto diversi incontri con le forze dell'ordine per affrontare questo fenomeno in costante aumento nel territorio del sud della provincia. Ieri mattina gli agenti della sottosezione della polizia Stradale coordinati dal comandante Giovanni Cerilli hanno proceduto alla rimozione di una ventina di cartelloni pubblicitari nelle strade di accesso alla città martire e nella zona dell'ospedale Santa Scolastica. Proprio per quei cartelloni, e per altri ancora, erano state elevate sanzioni nelle scorse settimane ma, poiché in questo lasso di tempo non sono state prese decisioni e non erano stati rimossi da gestori e proprietari, ieri mattina sono scattate le rimozioni da parte delle forze dell'ordine.

Un'attività che scaturisce quindi dalle sollecitazioni della prefettura che ha creato questa task force per contrastare questo fenomeno dilagante soprattutto nel Basso Lazio. Per ora sono partite le rimozioni sulle strade di competenza provinciale. Ieri è stato solo l'inizio, sono stati rimossi una ventina di cartelloni, ma le operazioni andranno avanti. Il comandante della sottosezione della polizia Stradale di Cassino Giovanni Cerilli infatti ha spiegato che per eseguire le operazioni correttamente è necessaria una gru, una squadra di operai e uomini per poter lavorare in sicurezza sulla strada e tutelare gli automobilisti, un intervento che richiede un po' di tempo.
Le forze dell'ordine hanno dichiarato guerra all'abusivismo, cartelloni e pubblicità che spuntano lungo le strade dall'oggi al domani sono nel mirino, controlli a tappeto su tutto il territorio. Le sanzioni elevate vanno a colpire a chi ha montato l'impianto e il pubblicizzato.