Intensificata la vigilanza sulle strade nella settimana di ferragosto. Con molti ancora in vacanza e le abitazioni vuote, si moltiplicano le occasioni per i topi d'appartamento. Da qui la necessità, da parte della questura, di alzare la guardia nei confronti anche di persone già allontanate dal capoluogo.
Ecco allora che nel corso dei controlli effettuati in alcuni posti di controllo istituiti in vari punti di Frosinone, la squadra volante, diretta dal commissario capo Flavio Genovesi, ha denunciato un romeno e due fratelli di Alatri. Tutti e tre erano stati colpiti dal foglio di via obbligatorio con divieto di far ritorno nel capoluogo.
Il primo a esser incappato nei controlli è stato lo straniero, nella zona della villa comunale.

La volante ha fermato un'utilitaria a bordo della quale c'era un ventiquattrenne romeno, che a Frosinone non poteva tornare. Per questo è stato denunciato per non aver rispettato le prescrizioni del foglio di via obbligatorio.
Stessa sorte è toccata ai due fratelli di Alatri, i quali dovranno rispondere oltre che della violazione del foglio di via obbligatorio anche di oltraggio e minacce a pubblico ufficiale. I due, che erano arrivati a Frosinone, con la scusa di chiedere qualche euro ai passanti non hanno gradito i controlli effettuati dagli agenti e hanno reagito in malo modo. Particolare attenzione, per contrastare furti e microcriminalità, soprattutto a chi ha dei precedenti.