È  Massimo Mauti, 47 anni di Sora, l'uomo morto nel tragico scontro verificatosi intorno alle 20.30 sulla superstrada Sora-Cassino all'altezza dello svincolo Atina-Settignano. La vittima viaggiava da sola a bordo della sua Opel Meriva in direzione Sora (e probabilmente stava tornando a casa dal lavoro, da San Vittore del Lazio, dove lavorava presso la società Aria Srl del Gruppo Acea Spa). All'improvviso, per cause in corso di accertamento da parte dei carabinieri giunti sul posto insieme ai sanitari del 118 e ai vigili del fuoco, si è scontrato frontalmente con un'Audi A3 condotta da L.S., 34 anni, originario di Cassino (e non di Sora come riferito in un primo momento) che invece era diretto in senso opposto alla Meriva, alla volta della Città Martire. 

Lo schianto è stato violentissimo, le due auto si sono ridotte ad un ammasso di lamiere: l'Audi A3, su cui viaggiavano tre persone, è stata letteralmente schiacciata contro il guard rail, mentre la Meriva si è ridotta a metà. Ad estrarre i corpi dalle lamiere contorte ci hanno pensato i vigili del fuoco. Per Massimo Mauti non c'è stato nulla da fare: troppo gravi le ferite, l'uomo è morto sul colpo. Ferito molto gravemente il conducente dell'Audi A3, L.S., di 34 anni, elitrasportato al Policlinico Umberto Primo di Roma, in codice rosso, dove i medici stanno tentando il tutto per tutto per salvargli la vita..

Fortunatamente meno gravi le ferite riportate dagli altri due occupanti l'Audi A3, tutti portati all'ospedale di Sora. Sul posto carabinieri, sanitari del 118 e vigili del fuoco. La strada è stata chiusa al traffico a lungo, in entrambi i sensi di marcia, con uscita obbligatoria allo svincolo Atina-Settignano.

La salma di Massimo Mauti è stata trasportata all'obitorio di Cassino, in attesa delle decisioni del magistrato se far effettuare o meno l'autopsia, prima di concedere il nulla osta per i funerali. 

E' un uomo di 47 anni, residente a Sora, la persona morta nel tragico incidente frontale verificatosi circa un'ora fa sulla superstrada Sora-Cassino, all'altezza dello svincolo Atina-Settignano. Il ferito elistraportato all'Umberto Primo di Roma in gravissime condizioni, invece, è un uomo residente anche lui a Sora (per ora l'identità di entrambi non è stata ancora resa nota). 

Per cause in corso di accertamento il 47enne, che viaggiava da solo a bordo della sua Opel Meriva, all'improvviso si è scontrato frontalmente con un'Audi A3 che è stata letteralmente schiacciata contro il guard rail e sulla quale viaggiavano tre persone: due sono state trasportate in ambulanza all'ospedale di Sora, mentre per la terza è stato necessario il trasferimento in codice rosso in eliambulanza al Policlinico Umberto Primo di Roma, dove i medici stanno tentando di salvargli la vita.

La strada dalle 20.30, per consentire le operazioni di soccorso, i rilievi per stabilire la dinamica dell'incidente e la rimozione dei mezzi, è stata chiusa al traffico in entrambi i sensi di marcia, con uscita obbligatoria allo svincolo di Atina-Settignano, teatro dell'ennesima tragedia della strada.
Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i vigili del fuoco e il 118 con ambulanze, auto medica e l'eliambulanza

SEGUONO AGGIORNAMENTI

di: La Redazione

Si è tragicamente aggravato il bilancio dell'incidente stradale verificatosi poco fa sulla superstrada Sora-Cassino, all'altezza dello svincolo Atina-Settignano: una delle persone coinvolte nel sinistro, infatti, è purtroppo morta nonostante le cure prestate dai sanitari del 118 immediatamente giunti del posto insieme ai carabinieri che stanno ricostruendo la dinamica del sinistro. Da quanto trapelato, due macchine, un'Audi A3 e un'Opel Meriva, per cause da accertare, si sono scontrate frontalmente in modo violentissimo. La prima viaggiava in direzione Cassino, mentre l'altra procedeva verso Sora.

Nell'impatto il conducente dell'Opel Meriva, che viaggiava da solo, ha riportato ferite gravissime e purtroppo è morto. Sull'altra auto, l'Audi A3, viaggiavano invece altre tre persone: due, ferite più leggermente, sono state portate in ambulanza all'ospedale di Sora, mentre la terza, che presentava un quadro clinico piuttosto grave, è stata trasferita in un ospedale di Roma in eliambulanza, in codice rosso e in condizioni definite molto gravi. 
Questo quanto si è saputo finora, nessuna informazione per ora sull'identità della vittima e degli altri feriti.

SEGUONO AGGIORNAMENTI

di: La Redazione

Gravissimo incidente stradale, poco fa, sulla superstrada Sora-Cassino. Per cause ancora da accertare, due macchine, giunte all'altezza dello svincolo Atina-Settignano e provenienti da opposte direzioni di marcia, si sono scontrate frontalmente. L'urto è stato violentissimo e la situazione clinica delle persone a bordo, in particolare di una di esse, è apparsa subito di grande gravità. Per questo motivo i sanitari del 118. giunti sul posto insieme ai carabinieri, hanno richiesto l'intervento di un'eliambulanza, pronta a trasferire in un ospedale di Roma il più grave dei feriti, al quale è stato assegnato il codice rosso. 

Carabinieri e soccorsi sono ancora sul posto per stabilire cosa sia successo realmente e per le cure dei feriti, in particolare di quello che appare in condizioni disperate (delle persone coinvolte nel sinistro non è ancora stata resa nota l'identità). 
SEGUONO AGGIORNAMENTI 

di: La Redazione