Viaggiava su un treno proveniente da Bari e diretto a Roma Termini quando, dopo essere stato fermato per un normale controllo del biglietto, ha dato in escandescenze seminando il panico sul convoglio. Protagonista della vicenda, accaduta nella serata di ieri, un 31enne nigeriano che si è rifiutato di mostrare il biglietto e di declinare le proprie generalità con fare minaccioso. Atteggiamento che ha spinto un poliziotto fuori servizio ad intervenire ma il nigeriano lo ha spintonato cercando lo scontro fisico. A quel punto è stato necessario allertare i poliziotti di Cassino che hanno atteso l'arrivo del convoglio nella città martire.

Alla vista del personale della Polfer, coordinato dall'ispettore superiore Angelosanto, il 31enne si è avventato anche contro di loro sferrando calci, pugni e spintoni per cercare di dileguarsi. Tutto inutile: i poliziotti sono riusciti a bloccarlo e per lui sono scattate le manette. Ora il nigeriano, già arrestato in precedenza per episodi analoghi, dovrà rispondere di resistenza, violenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale. L'uomo, che è stato tradotto presso la locale casa circondariale, dovrà espiare un anno e due mesi di detenzione.

I poliziotti aggrediti hanno dovuto, invece, far ricorso alle cure sanitarie. Tanta la gente che ha assistito atterrita all'episodio di violenza.