Domani l'estremo saluto a Maria Catallo, la sessantunenne di Pastena rinvenuta mercoledì scorso priva di vita in territorio di Ceprano, nell'alveo del Sacco. Ieri pomeriggio è stata effettuata l'autopsia e il magistrato ha rilasciato il nulla osta riconsegnando la salma ai familiari. Domani alle 10.30 nella chiesa di Santa Maria Maggiore si svolgeranno le esequie della donna allontanatasi da casa martedì scorso e poi rinvenuta a ventiquattro ore di distanza a Ceprano, purtroppo priva di vita.

Forse un incidente oppure un volontario gesto estremo potrebbe essere stato fatale per Maria Catallo la cui auto, una Smart, è stata trovata tramite il segnale gps in territorio di Ceprano, a confine con Castro dei Volsci, in prossimità del ponte Santa Maria, nel tardo pomeriggio di martedì scorso.
Il ritrovamento dell'auto abbandonata in strada, non lontano dal fiume e dalla superveloce, ha fatto scattare l'allarme, sono iniziate le ricerche portate avanti fino a notte fonda, poi sospese e riprese l'indomani mattina. La preoccupazione si è trasformata, quindi, in grave timore eppure tutti hanno continuato a sperare di poter rivedere la donna.
La mattina dopo i Carabinieri di Pico, Ceprano e quelli Pontecorvo con la tenente Tamara Nicolai, le Anc Benemerita Ceprano e Aquino-Castrocielo, la protezione civile di Roccasecca e di Pontecorvo, i vigili del fuoco di Frosinone, il soccorso alpino di Cassino e anche il sindaco di Pastena Arturo Gnesi sono tornati sul luogo della scomparsa, ma dopo un'ora e mezza hanno effettuato la tragica scoperta del corpo della sessantunenne, nelle acque del Sacco, privo di vita.

Sconvolta la comunità di Pastena dove l'ex lavoratrice socialmente utile, che aveva lasciato il lavoro da fine giugno, era conosciuta. Una donna mite, generosa e disponibile, forse gravemente tormentata da pensieri e angosce che non è riuscita a sopportare. Una persona speciale, di quelle che sul lavoro sono sempre disponibili, che pensano agli altri, che non assumono posizioni di contrasto, pronte a farsi avanti per festeggiare gli amici. L'esito dell'esame autoptico farà luce sulle cause del decesso. Intanto Pastena piange Maria Catallo, una perdita prematura e inaspettata.