I viaggi sono continui. Per far transitare la roba in piazza e nelle aree limitrofe bisogna muoversi con piccoli carichi e, soprattutto, attraverso soggetti capaci di allontanare i sospetti. Esattamente come il minorenne (arrestato) e la sua amica diciottenne (denunciata) fermati giovedì sera dalla polizia con 50 grammi di hashish, proprio in uno di questi viaggi, dal quartiere del rifornimento ) fino a piazza Labriola.

Altri quelli che gironzolano tutt'intorno per avvisare di eventuali pericoli legati alla presenza delle forze dell'ordine.
Sempre i viaggi, poi, hanno la caratteristica di essere frequenti perché la notte è lunga a Cassino e il "popolo" che la abita ha voglia di divertirsi il più possibile, complice l'estate. Ma anche per evitare di perdere quantitativi importanti come pure di incappare in "misure" pesanti in caso di controlli.

Le scene si ripetono. Anzi a volte si arricchiscono con ulteriori stratagemmi legati alla presenza di due ruote (bici o scooter) che favoriscono altri "passaggi" o auto che arrivano per scambi di battute veloci dai finestrini.
Venerdì e sabato notte non hanno fatto la differenza: la movida è trascorsa serenamente, con quell'istantanea su una piazza viva e solare che fa invidia all'intera provincia. Ma gli stakanovisti dello spaccio non hanno certo abbassato la guardia, piuttosto affinato le strategie. Spesso, come confermato dal sequestro degli agenti del commissariato di due settimane fa, depositano la roba in punti strategici: in quel caso lasciarono hashish e marijuana nelle cassette postali esterne tra le Poste e il Tribunale. Pronte all'uso!
I controlli di carabinieri e polizia sono stati assidui anche durante questo terzo weekend di luglio. Assidui e dirottati ovunque, dal centro alle aree periferie fino ai principali punti di snodo.

Ecco i risultati
In particolare, i militari della compagnia di Cassino hanno fermato e segnalato alla prefettura un uomo di 33 anni e due donne, rispettivamente di 22 e 48 anni, tutti del cassinate. Lui è stato trovato in possesso di 0,485 grammi di cocaina mentre le donne avevano 0,314 grammi della stessa droga pesante e 1,9 grammi di hashish, il tutto sottoposto a sequestro.
Non solo. Sono stati proposti alla questura di Frosinone per il foglio di via, un diciannovenne e due diciottenni, rispettivamente dell'hinterland partenopeo e del pontecorvese, perché si aggiravano in atteggiamento sospetto in piazza Labriola e dintorni, sorpresi con gruppi di persone censite per reati in materia di sostanze stupefacenti, senza fornire plausibili spiegazioni circa la loro presenza in loco.
Foglio di via proposto anche per un ragazzo di 33 anni di Cassino, noto per stupefacenti, violenza privata, minacce, e precedentemente sottoposto a libertà vigilata, mentre girovagava intorno ad alcune attività commerciali del centro.

Doppia denuncia a Piedimonte per inosservanza del foglio di via obbligatorio per due persone provenienti da Napoli e già censite, sorprese nei pressi del parcheggio antistante il centro commerciale "Le Grange", inadempienti al divieto di far ritorno nel comune per un periodo di anni tre. Le stesse, insieme a una terza persona trentanovenne proveniente sempre da Napoli, sono state sanzionate della somma complessiva di 15.489 euro dal momento che esercitavano l'attività di commercio ambulante su area pubblica senza essere in possesso della prescritta autorizzazione del sindaco, con il contestuale sequestro di dieci capi di biancheria di varie marche. Infine, il controllo di un circolo privato gestito da un ventottenne, poi multato (1.032 euro), poiché aveva esercitato l'attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande all'interno di un circolo privato del tutto privo delle caratteristiche di associazionismo senza scopi di lucro, perseguendo finalità esclusivamente commerciali con immediata cessazione dell'attività.